Cerca

30 anni fa la tragedia

Vittime crollo Castellaneta
risarciti già 3,5 milioni

crollo palazzo Castellaneta

Il palazzo crollato in una foto d'epoca

CASTELLANETA (TARANTO) - Con i due milioni di euro garantiti dalla Regione Puglia, è salito a 3,5 milioni di euro l’ammontare dei risarcimenti già versati dal Comune di Castellaneta in favore dei famigliari delle vittime del crollo del palazzo di via Verdi (7 febbraio 1985), in cui morirono 34 persone. Lo rende noto il sindaco di Castellaneta, Giovanni Gugliotti, precisando come l’amministrazione abbia destinato ai risarcimenti tutti i fondi ricevuti dalla Regione in seguito alla convenzione, firmata nel settembre scorso con il governatore pugliese Michele Emiliano, che ha portato nelle casse comunali due milioni di euro, così come previsto dalla legge regionale 15/2016 che ha istituito uno specifico fondo di rotazione a sostegno degli enti locali per prevenire il dissesto finanziario.
«Con gli ultimi mandati di pagamento - osserva il primo cittadino - il Comune ha liquidato circa il 35% delle somme oggetto di transazione, soddisfacendo il diritto di chi perse affetti insostituibili. È così che stiamo risolvendo il più grande problema della storia del Comune di Castellaneta, ponderando i passi volta per volta, senza cedere alla rassegnazione che più di qualcuno avrebbe preferito vedere sui nostri volti». Il percorso «tracciato nel piano di riequilibrio varato ad aprile - conclude Gugliotti - prosegue, quindi, grazie anche agli aggiornamenti intervenuti proprio con l’inclusione delle somme provenienti dal fondo di rotazione regionale (due milioni) e che arriveranno dal governo centrale (4,5 milioni)».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400