Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 01:40

Riorganizzazione

Bari, salto internazionale
Nasce l'ufficio Grandi eventi

Bari, salto internazionaleNasce l'ufficio Grandi eventi

FRANCESCO PETRUZZELLI
Da anni lamentano l’assenza di funzioni e di personale. Anche solo per sistemare una strada o per progettare l’installazione di panchine e fioriere. Con tanti mutui che restano quindi nel cassetto perché non movimentati. Adesso non più. Arriva un ufficio tecnico decentrato che con liste alla mano potrà individuare in modo chiaro e preciso le unità da coordinare su interventi e specifiche richieste inoltrate dai quartieri.
Dopo una fase di stallo, inizia a muoversi in parte il decentramento nei cinque Municipi complice la riorganizzazione degli uffici e delle ripartizioni varata dalla giunta comunale. Perché devoluta la sola funzione sociale, a due anni dal varo dei nuovi enti territoriali, che hanno abolito ma mai sostituito nei fatti le Circoscrizioni, non c’è ancora stato il trasferimento di funzioni su traffico, verde, mobilità di quartiere e controllo dei contratti di servizio. In assenza di personale aggiuntivo a causa del blocco delle assunzioni nel biennio 2015-2016.
Si inizia subito da lunedì con questa radicale rivisitazione targata Davide Pellegrino, il direttore generale del Comune. Le novità riguardano principalmente la ripartizione Lavori Pubblici riorganizzata in tre bracci operativi gestita da altrettanti direttori e con la ridistribuzione delle unità pos, le posizioni organizzative. Confermato il settore Giardini con a capo Erminia Traversa, arrivano i settori Urbanizzazioni primarie diretto da Claudio Laricchia e Interventi sul territorio affidato a Pasquale Paticchio, con il primo settore chiamato a gestire strade, mobilità, rete elettrica e fognaria (tutti aspetti di una stessa grande area tematica come la viabilità) e il secondo a lavorare sulla manutenzione del vasto patrimonio comunale, come sedi istituzionali, scuole, palestre e sul capitolo progettazione e gara degli stessi immobili.
«Si tratta di un intervento molto corposo dato il peso tecnico assegnato alla ripartizione Lavori pubblici» spiega Pellegrino nel solco di un’amministrazione il cui obiettivo, mai nascosto, è soprattutto avviare e concludere opere pubbliche, dalle più piccole a quelle di impatto. Ma non solo. Bari diventa più internazionale con l’istituzione dell’ufficio Grandi Eventi, una cabina di regia, coordinata dal direttore generale con l’ausilio di polizia municipale e tecnici comunali, per dare supporto logistico, di ordine pubblico e organizzativo a tutti i più importanti appuntamenti: dalle maratone, ai concerti, alla sagra di San Nicola sino all’impegnativo G7 Finanze, atteso a Bari dall’11 al 13 maggio del prossimo anno. «E sarà un ufficio che non deciderà gli eventi. La scelta resta in capo all’indirizzo politico della giunta» precisa Pellegrino.
Per la ripartizione Servizi demografici arriva invece l’istituzione del registro sulla bigenitorialità per l’affido condiviso dei figli delle coppie separate o non sposate. Sul fronte della trasparenza invece avranno una maggiore responsabilità i dirigenti: dovranno vigilare sulla corretta ed esaustiva pubblicazione di atti, determine e provvedimenti sul portale del Comune, al momento ancora lacunosa e insoddisfacente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione