Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 16:43

Workshop a Bari

Al Policlinico esperti mondiali
a confronto sulla sanità pugliese
C'è anche il consulente di Obama

Al Policlinico esperti mondiali  a confronto sulla sanità pugliese C'è anche il consulente di Obama

BARI - Migliorare l’efficienza sanitaria in Puglia. I dati statistici non sono incoraggianti ed evidenziano falle nella gestione delle emergenza e dei servizi. Si discuterà a Bari di econometria sanitaria nella tre giorni promossa dal Prof. Domenico Viola, docente di statistica dell’Università Aldo Moro di Bari. L’Econometria Sanitaria negli ultimi anni si è rivelata di estrema importanza per la definizione e valutazione delle politiche in ambito sanitario. Il workshop offrirà la possibilità di discutere con professionisti e accademici di alto profilo metodi e applicazioni. Tra gli ospiti anche J. Skinner, consulente di Barack  Obama in materia di sanità. Primo appuntamento domani, ore 15.00, preso il Policlinico di Bari, sala De Bendictis dell’Università di Bari.  

“I temi della salute della popolazione - spiega il Prof. Domenico Viola - insieme alla esigenza di valutare e migliorare l’efficienza delle strutture preposte alla cura della salute sono diventati sempre più attuali e sempre più l’econometria sanitaria ha assunto un ruolo importante nelle decisioni sulla salute e politiche di assistenza sociale. L’evento è un momento di confronto scientifico fra gli esperti di vari settori disciplinari (statistici, matematici, economisti, medici operatori sanitari, manager che si occupano di valutazione). Misurare e valutare con l’utilizzo di indicatori sempre più appropriati questa è la strada per migliorare continuamente il sistema della salute monitorare e scegliere le politiche sanitarie più appropriate”. E ancora. “Il Workshop, inoltre,  mira a riunire economisti, oncologi e medici, statistici, matematici econometrici, psicologi e sociologi per discutere l’utilizzo di metodi statistici per affrontare le questioni in materia di economia sanitaria. In questo momento poi, per la Regione Puglia il tema è di grande attualità non soltanto per il riordino ospedaliero, ma per capire a fondo i tanti aspetti ancora irrisolti (un esempio per tutti il grado di mobilità dei richiedenti cura e le ragioni del sempre più crescente  ricorso a strutture ospedaliere fuori dalla Regione Puglia). Occorre, quindi, andare oltre il concetto di spending review (riduzione di sprechi e miglioramento dei bilanci della sanità) realizzando un’analisi sistemica delle variabili insieme a politiche sanitarie di qualità. Ciò favorirà senza indugio la qualità di vita e la sicurezza del paziente in cura”. 

Tommaso Forte

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione