Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 16:38

Bari

Estorsioni a commercianti
chiuse indagini su clan Parisi

Estorsioni a commercianti chiuse indagini su clan Parisi

BARI - La Procura di Bari ha chiuso le indagini su presunte estorsioni ai danni di aziende e commercianti di Bari e provincia commesse da esponenti del clan Parisi di Japigia. L’avviso di conclusione delle indagini preliminari è stato notificato a 28 persone, tra i quali i fratelli del capo clan Savinuccio, Michele e Nicola, e alcuni imprenditori che da vittime sarebbero diventati complici dell’organizzazione.

Secondo il pm della Dda Roberto Rossi, a gestire il giro di estorsioni con la complicità di sodali e poi di alcuni imprenditori erano i fratelli Parisi. Tra le vittime del gruppo c'erano, infatti, titolari di cantieri edili, alcuni poi indagati per avere reso false dichiarazioni coprendo l’attività estorsiva nei loro confronti e titolari di aziende di prodotti ittici e caseari. Michele Parisi, per esempio, avrebbe imposto al titolare di un caseificio di Gioia del Colle, di simulare la sua assunzione per incassare lo stipendio e poi l’indennità di disoccupazione.

Così, attraverso il ricorso a minacce, fisiche e a mano armata, al danneggiamento di mezzi da cantiere, il gruppo si faceva consegnare denaro contante o buoni di benzina. Ad un commerciante di prodotti ittici sarebbe invece stato chiesto 1 euro per ogni chilo di pescato importato dalla Grecia (circa 1000 euro a settimana). L’indagine della Guardia di Finanza, partita dopo la denuncia di un imprenditore di Bisceglie, nel febbraio scorso ha portato all’arresto di 11 degli odierni indagati nell’ambito dell’operazione ribattezzata 'Clean up'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione