Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 22:35

Lunedì

Escort, riprende a Bari
l'udienza preliminare
per Berlusconi e Lavitola

Escort, riprende a Bari l'udienza preliminare per Berlusconi e Lavitola

BARI - Riprenderà lunedì 9 maggio l’udienza preliminare nei confronti di Silvio Berlusconi e Valter Lavitola, accusati di induzione a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria barese che indagava sulle escort portate dall’imprenditore Gianpaolo Tarantini nelle residenze dell’ex premier. Il procedimento penale era infatti stato sospeso in attesa che la Camera dei Deputati si pronunciasse sull'utilizzo delle intercettazioni telefoniche di Berlusconi sul caso escort. Dopo l’ok arrivato da Montecitorio che ha autorizzato l’utilizzabilità processuale di 73 intercettazioni, si tornerà in aula lunedì mattina, alle 9.30.

I difensori di Berlusconi, gli avvocati Niccolò Ghedini e Francesco Paolo Sisto, presenteranno nuove eccezioni preliminari. Seguirà la discussione dell’udienza con la eventuale richiesta di rinvio a giudizio da parte dell’accusa, rappresentata dal procuratore aggiunto Pasquale Drago.

La vicenda ruota attorno al processo 'escort' che il 13 novembre 2015 ha portato il tribunale di Bari ad emettere quattro condanne (tra cui quelle a sette anni e dieci mesi per Tarantini e a un anno e quattro mesi per Sabina Began, 'l'ape reginà dei party berlusconiani), tre assoluzioni e a disporre l'invio degli atti alla Procura affinché valuti se contestare il reato di intralcio alla giustizia per Berlusconi e quello di falsa testimonianza nei confronti di cinque ragazze.

L’ex premier e Lavitola sono accusati di aver indotto Tarantini a mentire ai pm baresi dicendo che il Cavaliere ignorava che le 26 ragazze portate fra il 2008 e il 2009 a Palazzo Grazioli, Villa Certosa e ad Arcore fossero prostitute. In cambio delle sue bugie Tarantini - secondo l’accusa - fra l'estate 2010 e l’agosto 2011 avrebbe ricevuto da Berlusconi, tramite Lavitola, circa 20mila euro al mese, oltre a spese legali, l’affitto di un appartamento ai Parioli e 500mila euro su un conto uruguaiano (solo in parte incassati).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione