Cerca

Lunedì 20 Novembre 2017 | 16:39

Bari

Tentano l'estorsione
ai danni di un imprenditore
due persone arrestate

Tentano l'estorsione ai danni di un imprenditore due perone arrestate

BARI - “Siamo di San Pio”, ma le frequentazioni con esponenti del clan Strisicuglio non hanno intimorito il titolare di una rivendita di materiale edile che ha rispedito al mittente le minacce e una tentata estorsione. E’ accaduto il 21 aprile. Di qualche ora fa l’arresto dei carabinieri di Luigi Bartoli, di 25 anni, e Giacomo Zapparella, di 27, per gli investigatori vicini al clan Strisciuglio. Un arresto compiuto in poco più di 10 giorni dove determinate è stato il coraggio del titolare di azienda che, all’arrivo dei due giovani e alla loro richiesta di danaro "per stare tranquillo", non si è scomposto.

Decisiva per l’identificazione dei due responsabili è stata, inoltre, la presenza di telecamere di video-sorveglianza all’interno dell’azienda presa di mira. Hanno ripreso l’arrivo di Bartoli e Zapparella in sella a uno scooterone. Hanno parcheggiato, si sono levati i caschi, raggiungendo il titolare dell’azienda nel suo ufficio. La vittima dell’estorsione li ha ascoltati e poi li ha fatto segno di andarsene agitando una mano.

I carabinieri, però, erano da tempo sulle tracce dei due uomini. Il titolare della rivendita è stato quindi invitato in caserma a Santo Spirito lo stesso giorno della tentata estorsione confermando di avere ricevuto, in mattinata, la visita dei due giovani.

D. Lop.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione