Cerca

Venerdì 17 Novembre 2017 | 22:26

Bari

Battista, Cardini e Valentini
finalisti al Premio Tatarella

Il vincitore scelto dal pubblico il 22 maggio al Petruzzelli

Battista, Cardini e Valentini  finalisti al Premio Tatarella

BARI - Sono Pierluigi Battista con 'Mio padre era fascistà (Mondadori), Franco Cardini con 'L'ipocrisia dell’occidentè (Laterza) e Giovanni Valentini con 'La scossà (Longanesi) i finalisti della prima edizione del Premio di saggistica politica intitolato alla memoria di 'Pinucciò Tatarella. La rosa dei tre candidati è stata presentata dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, e dalla vedova Tatarella, Angiola Filipponio.

«Il vincitore - ha spiegato per gli organizzatori Annalisa Tatarella - verrà scelto da una giuria popolare composta dal pubblico del galà finale, in programma il 22 maggio nel Teatro Petruzzelli. Per partecipare alla serata è necessario registrarsi alla mail 'Segreteriapremiotatarella2016@gmail.com'. "Ora il premio ha un nuovo vestito e una nuova anima per rendere non solo onore alla memoria, ma alla vita di Giuseppe Tatarella dedicata alla politica e alla terra di Bari».

Per Giovanni Procacci, delegato della Regione e presente all’incontro, «il valore del premio è nel valorizzare il ricordo di Tatarella al dei là degli steccati ideologici, tenendo insieme cultura, rispetto delle istituzioni e anima popolare». Angiola Tatarella ha invece ringraziato il sindaco Decaro proprio per «l'anima che ha messo in questo premio. Il 'Premio Tatarellà è giovane ma ha una storia, filiazione di un appuntamento culturale raffinato istituito alla fine degli anni Novanta proprio da Pinuccio. La serata finale al Petruzzelli sarà presentata dagli storici conduttori della trasmissione di RadioDue 'Un giorno da pecorà, Giorgio Lauro e Claudio Sabelli Fioretti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione