Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 20:25

Dati Confartigianato «Pugliesi sempre più indebitati con le banche»

Dati Confartigianato «Pugliesi sempre più indebitati con le banche»
BARI – Aumenta il credito al consumo concesso dalle banche e l’indebitamento dei pugliesi supera i 6,8 miliardi di euro. Per la precisione, sei miliardi 830 milioni. È quanto emerge dall’ultima elaborazione del Centro Studi di Confartigianato Imprese Puglia su dati Bankitalia.

Nel secondo trimestre di quest’anno i prestiti erogati sono aumentati di 96 milioni, pari all’1,4 per cento, rispetto al periodo precedente (a marzo l’importo erogato era di sei miliardi 734 milioni). In dettaglio, lo stock dei finanziamenti in provincia di Bari ammonta a due miliardi 123 milioni. Seguono Lecce con un miliardo 393 milioni, Taranto con un miliardo 141 milioni, Foggia con 919 milioni, Brindisi con 733 milioni e Barletta-Andria-Trani con 520 milioni.

È del tutto evidente che la crisi e l’inflazione abbiano eroso il potere d’acquisto dei pugliesi che si sono indebitati sempre più, ricorrendo al credito al consumo. Molti contratti di finanziamento sono serviti per l’acquisto di telefonia mobile (come cellulari, smartphone e relativi abbonamenti), tablet, e-book, elettrodomestici o apparecchiature elettroniche (come televisori, videoregistratori, lettori dvd), personal computer ed accessori informatici, fotocamere e videocamere.

Non rientrano in questo genere di finanziamento i mutui ipotecari per l’acquisto di immobili ed i prestiti concessi per finalità professionali.
A partire dal 2002 il credito al consumo è costantemente cresciuto. Poi, nel 2009, ha «rallentato» a causa degli effetti della recessione globale. Da allora, il ritmo è altalenante: trimestri positivi si alternano a trimestri negativi.

«Il monitoraggio effettuato dal nostro Centro studi regionale – commenta Francesco Sgherza, presidente di Confartigianato Imprese Puglia – conferma che le famiglie pugliesi riconoscono nel credito al consumo uno strumento dall'accesso immediato e semplice, utilizzandolo prevalentemente per l'acquisto di particolari tipologie di beni come quelli tecnologici. Questo genere di strumenti di finanziamento, spesso connessi a forme di abbonamento e pagamento fortemente dilazionato – spiega il presidente – dà ai consumatori l’idea di “spendere meno” rispetto a quanto in realtà facciano. Negli ultimi anni è radicalmente mutato il modo di spendere il denaro: ad una sempre maggiore disponibilità all'acquisto di prodotti tecnologici si è accompagnata una decrescita nella spesa per beni durevoli o comunque di importanza primaria. Insomma – conclude Sgherza – è cambiato il paniere di riferimento degli italiani, che comprano sempre più tablet e telefonini anche a costo di ridurre i propri consumi alimentari o di risparmiare in vista dell'acquisto di un'abitazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione