Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 06:39

Bari, ucciso dai parenti Cassazione riapre il caso e annulla le assoluzioni

Bari, ucciso dai parenti Cassazione riapre il caso e annulla le assoluzioni
BARI – Saranno processati nuovamente, dopo essere stati assolti in primo e secondo grado, i presunti assassini di Nicola Massari, pregiudicato 55enne ucciso con tre colpi di pistola il 13 luglio 2011 nella sua abitazione al quartiere San Paolo di Bari. La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza di assoluzione emessa dalla Corte di Assise di Appello di Bari nei confronti del nipote della vittima, il 33enne Giuseppe Massari, soprannominato «Balena», e del convivente di un’altra nipote, il 29enne Vito Romito.

Stando alle indagini della Squadra Mobile coordinate dal pm di Bari Francesco Bretone, Giuseppe Massari, che è difeso dall’avvocato Raffaele Quarta, sarebbe stato l’esecutore materiale del delitto mentre Romito, difeso da Daniela Castelluzzo, secondo l’accusa guidava la moto con cui i presunti assassini raggiunsero il luogo dell’agguato. Massari avrebbe preteso soldi dallo zio per l’acquisto di droga e lo avrebbe ucciso con un colpo di pistola durante un litigio dopo il suo rifiuto.

In primo grado l’accusa aveva chiesto per Massari la condanna all’ergastolo e per Romito 22 anni di reclusione. Massari è stato detenuto dal novembre 2011 al giorno dell’assoluzione, nell’aprile 2013, mentre Romito era imputato a piede libero. Per entrambi, i giudici di secondo grado confermarono la sentenza di assoluzione «per non aver commesso il fatto». La Suprema Corte, accogliendo il ricorso della Procura Generale di Bari, ha ora disposto che nei loro confronti si celebri un nuovo processo d’appello per accertarne l’eventuale responsabilità per i reati di omicidio volontario premeditato, rapina (un Rolex che la vittima aveva al polso) e detenzione illegale di arma da fuoco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione