Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 07:37

Capodanno delle polemiche con Gigi D'Alessio a Bari spunta anche Gianni Morandi

di LIA MINTRONE

BARI - Potrebbe essere Gianni Morandi a divedere il palcoscenico con Gigi D’Alessio in quella che ormai viene definita la tormentata notte di Capodanno a Bari. L’indiscrezione, perché di questo si tratta al momento, non trova conferme ma neanche smentite.

In queste ore, le voci si rincorrono con grande insistenza. A Palazzo di Città tutto tace anche perché l’operazione la starebbe facendo direttamente Gigi D’Alessio insieme con i produttori Mediaset. La formula «Gigi D’Alessio & Friends» , infatti, è sua ed è lui che si sceglie gli artisti. In definitiva, Bari sta comprando un pacchetto «all inclusive» per la notte di Capodanno 2016. I cachet degli artisti sono a carico di Canale 5, la tv ammiraglia delle reti berlusconiane, che trasmetterà la festa barese in diretta da piazza Libertà, coprendo i costi con gli spot pubblicitari.

Il Comune impegnerà all’incirca 120mila euro, la stessa cifra spesa lo scorso anno per avere Vinicio Capossela, una notte funestata da un freddo polare e da una musica non proprio fruibile dai più. Certo è che questa notte così nazional-popolare l’ha voluta direttamente il sindaco. E’ lui ad essersi speso in prima persona con gli autori Mediaset per portare a Bari qualcosa che potesse raccogliere il più largo consenso possibile da parte dei baresi. E , invece, si è scatenato un vero e proprio putiferio che ha colto di sorpresa lo stesso Decaro.

Ed ecco che la carta di Gianni Morandi, un artista amato da giovani e non, potrebbe rappresentare l’àncora di salvezza per tutta l’operazione. Inoltre, sempre stando a indiscrezioni, la produzione di Mediaset starebbe lavorando per portare a Bari anche un super ospite straniero. Ma anche qui, i giochi si stanno facendo a Milano.

Al momento i nomi certi degli artisti che saliranno sul palco con Gigi D’Alessio sono «The Kolors» (la band vincitrice dell’edizione 2015 di Amici), Nek (il cantautore di Sassuolo anch’egli in giuria nell’ultimo Amici), e i «Dear Jack» (anche loro figli del fortunato programma di Maria De Filippi targato Canale 5). Insomma, nel format l’impronta del biscione c’è ed è fortissima. Ma si sa che detta legge chi mette mano al portafoglio.

Intanto, sui social network, non si placano le polemiche. Per tutta la giornata di ieri sono continuati attacchi e critiche nei confronti del primo cittadino. Ma la politica adottata sia da Decaro che dall’assessore alle Culture, Silvio Maselli, è quella del muro di gomma. Entrambi non hanno mai risposto ad alcun commento né hanno diramato comunicati ufficiali. Ma chi è vicino al Palazzo, continua a dire che il sindaco è fermo e deciso sull’operazione «Gigi D’Alessio &Friends», essendo convinto di aver intercettato quello di cui Bari ha bisogno per quella notte.

E a dispetto di chi, in queste ore, continua a discettare sul significato delle parole «marketing territoriale» e «promozione turistica», il sindaco tira dritto per la sua strada e non dà retta a nessuno. A dargli ragione, secondo i suoi calcoli, saranno i numeri, gli stessi che ci terrà a snocciolare il 1° gennaio 2016. D’altronde, per dovere di cronaca, a fronte di una valanga di critiche, sono anche tanti i baresi che in queste ore stanno lasciando messaggi sulla bacheca di Gigi D’Alessio scusandosi per la «maleducazione» dei loro concittadini e promettendogli che gli riserveranno l’accoglienza che merita.

D’Alessio è molto amato dal suo pubblico che è , inaspettatamente, anche molto trasversale. Sono in tanti a scommettere che il cantante, allievo di Mario Merola, scalderà il pubblico di piazza Libertà ripescando brani anche dalla migliore tradizione napoletana. E c’è già chi pregusta i trenini capeggiati da Decaro e Maselli. Una notte che sarà difficile dimenticare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione