Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 05:58

Assessore regionale Liviano «Gara regolare, restituita dignità»

Assessore regionale Liviano «Gara regolare, restituita dignità»
 BARI – "Sono veramente contento che mi sia restituita la dignità di persona onesta. Rispetto però alle valutazioni politiche, credo serva tempo per ragionarci meglio. E il tempo ci aiuterà a comprendere".

Lo dice all’Ansa l’ex assessore all’Industria culturale della Regione Puglia, Gianni Liviano, che accusato di aver fatto vincere a un suo amico la gara per l’affidamento dell’organizzazione degli Stati generali della cultura in Puglia, si era dimesso a soli tre mesi dalla nomina nella nuova giunta regionale pugliese guidata da Michele Emiliano.

La notizia sull'affidamento della gara fu pubblicata sul quotidiano La Repubblica Bari, che invece, in un articolo pubblicato oggi, scrive che le procedure di assegnazione si svolsero regolarmente. Una notizia che lo stesso Liviano spiega di apprendere oggi dal quotidiano. "Adesso – commenta – questa cosa restituisce in qualche maniera verità a come sono andate le cose".

"Io – aggiunge – non ho particolari competenze o ricchezze, ma ho una sola ricchezza che fa parte della mia vita, che è  l'onestà". "E il fatto che qualcuno l’abbia messa in discussione - conclude – mi ha fatto soffrire, e ha fatto soffrire non poco la mia famiglia".

"Apprendiamo dalla stampa che l’iter di aggiudicazione dell’appalto per gli Stati Generali del Turismo sarebbe legittimo e regolare. Orbene, Liviano è stato catapultato fuori dalla Giunta regionale, ledendo la sua onorabilità senza nemmeno attendere di conoscere la verità. A questo punto, prendendo atto della regolarità delle procedure, Emiliano dovrebbe richiamarlo immediatamente per tornare a svolgere il ruolo di assessore nella Giunta pugliese". Lo sostiene in una nota il capogruppo di Forza Italia alla Regione Puglia, Andrea Caroppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione