Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 20:41

Bari, 3mila in corteo contro il caporalato «Non siamo bestie»

Bari, 3mila in corteo contro il caporalato «Non siamo bestie»
BARI – "Vogliamo solo che siano rispettati i nostri diritti"; "Gli immigranti non sono i criminali, sono i lavoratori"; "Non siamo animali ma persone come voi". Sono questi alcuni degli slogan con cui molti braccianti extracomunitari hanno manifestato per le vie del centro di Bari, in occasione del corteo promosso contro il caporalato dalla Flai Cgil Puglia. Alla manifestazione, che ha mandato in tilt il traffico tra le proteste degli automobilisti, partecipano, secondo gli organizzatori, più di tremila persone.

Dalla provincia, dicono gli stessi organizzatori, sono arrivati 35 pullman. Il segretario Flai Cgil Puglia, Giuseppe Deleonardis, chiede che il "governo mantenga le sue promesse di una legge che preveda la confisca dei beni per le imprese che si macchiano del reato di caporalato: finora – dice – non è stato fatto nulla". Il timore di Deleonardis è che "dopo le morti dei braccianti nei campi pugliesi la scorsa estate (due stranieri e due tarantini) tutti gli impegni presi da governo e Regione Puglia vengano meno: "Non possiamo perdere altro tempo prezioso", conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione