Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 22:10

Estratti a Pisa i files audio dalla scatola nera del Norman

Estratti a Pisa i files audio dalla scatola nera del Norman
PISA – Il laboratorio Rass, radar e sistemi di sorveglianza di Pisa, del Consorzio nazionale interuniversitario per le telecomunicazioni è riuscito a estrarre i "file audio dalla scatola nera della Norman Atlantic", il traghetto andato a fuoco il 28 dicembre scorso nel canale d’Otranto. Lo ha reso noto lo stesso laboratorio Rass.

"Il professor Enzo Dalle Mese insieme ai due consulenti ingegner Alessandro Cantelli Forti e ingegner Amerigo Capria nominati dal Gip del tribunale di Bari, Alesandra Piliego – si legge in una nota – nell’ambito dell’incidente probatorio per accertare le cause del disastro della nave Norman Atlantic, sono riusciti a estrarre i files audio dalla scatola nera, durante operazioni svolte presso la ditta Sirm di Torre Annunziata. Dopo che in un’analoga operazione non era stato possibile recuperare i files audio e dove si era ritenuto erroneamente che tali dati non fossero registrati sulla scatola nera, l’equipe pisana ha portato invece a termine l’operazione di estrazione, autorizzata dal Gip, evitando di rivolgersi a ditte specializzate a Londra o in California, come era stato da alcune parti ipotizzato". Il laboratorio Rass è stato anche consulente nel processo sul disastro della Costa Concordia.

"L'operazione svolta dai consulenti pisani – conclude la nota - ha consentito di acquisire tutte le comunicazioni audio che si sono svolte in plancia, le comunicazioni avvenute fra il personale della nave e quelle di emergenza verso l’esterno, nel periodo antecedente lo scoppio dell’incendio a bordo e dopo tale incidente. Le informazioni saranno di fondamentale importanza per il Gip, la Procura e i consulenti di parte per capire la dinamica dell’incidente e accertare eventuali responsabilità".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione