Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 04:20

Tassa rifiuti non pagata Comune avvisa morosi «100 milioni di arretrati»

Tassa rifiuti non pagata Comune avvisa morosi «100 milioni di arretrati»
BARI – E' in atto e proseguirà l’azione di recupero da parte del Comune di Bari della morosità della tassa rifiuti riferita alle utenze commerciali che non hanno pagato l’imposta negli anni 2012, 2013 e 2014. Lo rende noto un comunicato. Il piano di recupero si divide in due fasi. In un primo momento i solleciti saranno inviati solo alle utenze commerciali, ed entro la fine dell’anno si passerà alle utenze domestiche che risultano non aver pagato l’imposta comunale negli anni 2013 e 2014. L’invio dei solleciti si è reso indispensabile – si legge nella nota – "per accelerare le procedure di riscossione delle entrate e garantire così l'equilibrio del bilancio civico, che solo nel triennio 2012-2014 risulta avere un mancato incasso rispetto alla tassa dei rifiuti di 55 milioni di euro (di cui oltre 41 milioni per le utenze commerciali)". Oggi sono stati già inviati tramite posta elettronica certificata 7000 solleciti dei 29.987 complessivi programmati per il mese di settembre, tutti rivolti ad attività non domestiche. Il pagamento dovrà essere effettuato entro 60 giorni senza prevedere nessun interesse o sanzione.

Per far fronte alle esigenze dei cittadini che dovranno effettuare il pagamento o richiedere informazioni, l’assessorato al Bilancio ha predisposto – viene reso noto – un’attività di "front office" con personale comunale dedicato a ricevere i cittadini e rispondere a tutti i quesiti e richieste di chiarimenti degli utenti. "Questa iniziativa, di cui abbiamo dato comunicazione più volte, ha già determinato – sottolinea l'assessore al Bilancio del Comune, Dora Savino – un buon risultato in termini di collaborazione da parte dei cittadini, tanto da farci recuperare nei mesi estivi già 1 milione di euro grazie a più di 3.000 utenti che spontaneamente hanno deciso di regolarizzare la propria posizione e versare la somma spettante. Detto questo, è nostra intenzione recuperare le somme mancanti senza gravare ulteriormente sui bilanci delle attività commerciali, che ogni giorno devono fare i conti con le difficoltà economiche, e per questo siamo disponibili ad accogliere eventuali richieste di rateizzazione dei pagamenti attenendoci alle disposizioni del "regolamento per la concessione di rateizzazioni" già pubblicato sul sito del Comune di Bari".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione