Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 05:37

Sparatorie in piazza a Bitonto: vertice antimafia in Prefettura

Sparatorie in piazza a Bitonto: vertice antimafia in Prefettura
"Assicureremo la massima attenzione come magistratura e forze dell’ordine, cercando in tutti i modi di venire a capo di questa situazione preoccupante per l’ordine pubblico". Lo ha detto il procuratore aggiunto di Bari Pasquale Drago, coordinatore della Direzione distrettuale Antimafia, a margine di un vertice straordinario in Prefettura a Bari convocato all’indomani delle due sparatorie che si sono verificate a Bitonto a poche ore di distanza.

L'incontro, al quale hanno partecipato i vertici provinciali delle forze dell’ordine, l’aggiunto Drago e il procuratore della Repubblica di Bari Giuseppe Volpe, era stato chiesto nelle scorse ore dalla Dda per pianificare le strategie di prevenzione e repressione necessarie ad arginare l’escalation criminale. Nel vertice è stata decisa una maggiore presenza di polizia e carabinieri a Bitonto per rafforzare i controlli. "I clan del territorio – ha spiegato Drago – stanno vivendo una fase di transizione perchè, con i capi detenuti in carcere, sono in corso guerre interne ai gruppi criminali e Bitonto ne è un esempio".

Lunedì scorso a mezzogiorno, nei pressi della villa comunale, due persone a bordo di uno scooter hanno sparato nove colpi di pistola contro un’auto, senza provocare feriti. Nel tardo pomeriggio di ieri c'è stata la risposta con cinque colpi d’arma da fuoco sparati da una moto in corsa contro un furgone. Anche in questo caso nessun ferito. Secondo gli investigatori, coordinati dall’Antimafia, è in corso una guerra fra i clan rivali Conte e Cassano per il controllo dei traffici illeciti sul territorio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione