Cerca

Lunedì 20 Novembre 2017 | 14:39

Alberobello, la festa abusiva nel complesso sequestrato

Alberobello, la festa abusiva nel complesso sequestrato
ALBEROBELLO - I sigilli di tre anni fa probabilmente erano passati nel dimenticatoio. Ed è per questo che una ragzza di 27 anni è stata denunciata dai carabinieri per aver organizzata una serata danzante la vigilia di ferragosto proprio in quella struttura sottoposta a sequestro eprchè abusivo. C'0erano proprio tutti: invitati (circa 200), dj con tanto di musica e consolle e ovviamente anche benvande per rinfrescarsi. Un party di tutto rispetto che i carabinieri hanno interrotto denunciando alla magistratura sia la ragazza e il papà di 52 anni, peraltro custode giudiziario del locale a sua volta accusato di abusvismo edilizio.
I due avevano ceduto a tre persone anch’esse di Alberobello, il locale, peraltro dotato di una piscina, i quali avevano organizzato una nottata danzante, con la partecipazione di circa duecento persone. Per i tre, invece, tra cui anche il dee jay, è scattato il deferimento alla stessa autorità giudiziaria per aver disturbato il riposo delle persone.
La zona in questione, infatti, è a ridosso del Bosco Selva, un’area selvosa ricca di piante secolari, di alto e basso fusto, di inestimabile valore storico e paesaggistico, dichiarata «oasi protetta»: nel 2012 sono stati riscontrati lavori (tre palazzine indipendenti e piscina) effettuati non in conformità alle norme urbanistiche e tutti eseguiti abusivamente senza il parere della Soprintendenza. All'epoca furono posi i sigilli a un locale adibito a deposito, tipo seminterrato, con copertura in legno, un gazebo in legno posizionato a bordo piscina, un bilocale ad uso abitativo ricavato dalla trasformazione di una cisterna interrata e di ulteriori gazebo sovrastanti le strutture abitative.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione