Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 06:46

«Oltre con Fitto» chiede inchiesta sulla Asl di Bari

«Oltre con Fitto» chiede inchiesta sulla Asl di Bari
BARI – Una proposta di legge per l'istituzione di una commissione di inchiesta che verifichi l'operato della Asl di Bari sulle gare di appalto sarà presentata dal gruppo Oltre con Fitto alla ripresa dei lavori del Consiglio regionale della Puglia. Lo annuncia il capogruppo Ignazio Zullo in una nota.
"Appalti che vengono banditi e mai aggiudicati – scrive – e per i quali la Asl di Bari procede al rinnovo di vecchi contratti con uno spreco di denaro e servizi spesso non efficienti, ma soprattutto con qualche dubbio su come e perchè avviene tutto questo, ormai, da anni. L’appalto per la lavanderia è solo uno dei casi più eclatanti, nonostante una gara bandita nel 2012 e inspiegabilmente non assegnata, si procede in proroga a due aziende, una delle quali percepisce, e nessuno ha mai spiegato il perchè, il 35% in più dell’altra per effettuare un analogo servizio".

"Ma è così – aggiunge – per quanto riguarda le mense, l’approvvigionamento dei materiali sanitari, i progetti di ristrutturazione delle banche del sangue nei vari ospedali e altri servizi essenziali. Alla riapertura dei lavori consiliari presenteremo una proposta di legge finalizzata all’istituzione di una commissione di inchiesta che verifichi l’operato della Asl di Bari e quindi dei dirigenti e direttori che sono responsabili dell’annullamento di gare di appalto, alcune delle quali giunte all’aggiudicazione provvisoria e, poi, inspiegabilmente annullate per procedere a continue proroghe, per altro vietate dalla legge. Il che si traduce, per altro, in un costo per la collettività per il dispendio di energie umane ed economiche per commissioni al lavoro per anni inutilmente".

"Comportamenti se non proprio illegali – aggiunge – quanto meno poco trasparenti: per questo, accanto a una puntuale azione politica intendiamo anche rivolgerci anche all’Autorità Giudiziaria perchè verifichi la correttezza di alcuni provvedimenti di proroghe di appalti e quindi valuti l’azione amministrativa di quei dirigenti e quei direttori che si assumono la responsabilità di annullare gare senza una valida motivazione". "Siamo convinti – conclude – che l'assessore alla Sanità, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha il nostro stesso interesse a fare chiarezza in merito e che quindi lo ritroveremo al nostro fianco".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione