Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 21:28

Modugno, fabbrica fuochi esplosa disposta la consulenza sulle cause Centinaia alla fiaccolata per le vittime

Modugno, fabbrica fuochi esplosa disposta la consulenza sulle cause Centinaia alla fiaccolata per le vittime
BARI – Sarà una "consulenza tecnica collegiale nei settori della sicurezza sul lavoro, dell’igiene industriale e della chimica degli esplosivi" ad accertare le cause dell’esplosione nella fabbrica di fuochi pirotecnici Bruscella di Modugno che lo scorso 24 luglio ha causato la morte di dieci persone e il ferimento di un’altra. Il pm Domenico Minardi, che coordina le indagini sulla tragedia, ha fatto notificare un "avviso di accertamenti tecnici non ripetibili" finalizzati ad "acclarare le cause dell’evento e a identificare, in relazione alle lavorazioni in corso, le sorgenti di innesco".

L'incarico per la consulenza sarà conferito il 6 agosto e vi potranno partecipare, nominando tecnici di parte, le parti offese, i parenti delle vittime e l’unico indagato nel procedimento, Antonio Bruscella, uno dei tre titolari dell’azienda uscito illeso dall’esplosione (morti gli altri due, il fratello Vincenzo e il nipote Michele). Nei suoi confronti la Procura ipotizza i reati di omicidio colposo plurimo e disastro colposo. Indagata per la responsabilità amministrativa delle persone giuridiche anche la società Bruscella Fireworks srl, alla quale si contesta la violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro.
La Procura procederà ad accertamenti irripetibili perchè i sopralluoghi e le analisi chimiche sui materiali in sequestro, "composti e miscugli esplosivi", comporteranno una "modificazione dello stato dei luoghi". Il pm ha inoltre notificato una "dichiarazione di urgenza" con la quale "dispone che gli accertamenti tecnici siano svolti nel periodo feriale di sospensione dei termini processuali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione