Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 02:27

Xylella, un ricercatore barese consiglia: se andate in Salento tenete i finestrini delle auto chiusi Lunedì vertice con Ue, ministro e governatore

Xylella, un ricercatore barese consiglia: se andate in Salento tenete i finestrini delle auto chiusi Lunedì vertice con Ue, ministro e governatore
ROMA – "Non abbiamo nulla per contrastare la Xylella, possiamo solo cercare di prevenire e di controllare il suo vettore e di controllare il batterio stesso cercando di eliminare le piante infette, in modo che non fungano da focolaio".

La ricerca sulla Xylella fastidiosa, il batterio killer degli olivi salentini, pur essendo relativamente giovane sta facendo dei passi da gigante su un patogeno che non era presente nel territorio del Mediterraneo, di cui Franco Valentini, ricercatore del CHIEAM (Centro Internazionale di Alti Studi Agronomici Mediterranei) di Bari spiega le ultime fasi: "Ci stiamo muovendo su diversi fronti, in particolare per un’identificazione rapida che possa essere di supporto al servizio fitosanitario per l’individuazione delle specie ospiti positive e poter poi attuare le successive misure di contenimento del patogeno.

Geograficamente abbiamo la fortuna che sia stato circoscritto all’interno della penisola salentina, quindi abbiamo solo un’area in cui dover concentrare i nostri sforzi affinchè il batterio non si propaghi". 

Si parla di apocalisse fitopatologica, soprattutto per quello che sta accadendo nell’area gallipolina dove alberi secolari stanno morendo a causa del batterio. Chiaro l’obiettivo per il prossimo futuro: "Non potendo contrastarla – prosegue Valentini - dobbiamo far si che la xylella rimanga confinata nell’area salentina, altrimenti dovremo iniziare a conviverci e quindi pensare a un diverso approccio con l’olivicoltura".

Qualche consiglio pratico per chi, in questi giorni di vacanza, dovesse recarsi nella zona del Salento: "Importante non portare con sè materiale vegetale, che potrebbe avere specie ospiti, e tenere i finestrini delle automobili ben chiusi per evitare che gli insetti saltino all’interno e vengano così trasportati in altri luoghi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione