Cerca

Lunedì 20 Novembre 2017 | 04:42

Emiliano sulla sanità in Puglia «Modificherò la tradizione negativa» E fa scegliere la Giunta ai cittadini

Emiliano sulla sanità in Puglia «Modificherò la tradizione negativa» E fa scegliere la Giunta ai cittadini
BARI – "L'impegno a modificare la negativa tradizione della Puglia" nello sforamento del tetto della spesa sanitaria, è stato assunto stamane dal nuovo presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, nel corso dell’udienza presso la Corte dei Conti per il bilancio di parifica della Regione, alla quale ha partecipato anche l’ex governatore Nichi Vendola.

Parlando con i giornalisti a margine di una conferenza stampa su un evento culturale, Emiliano ha detto che "il giudizio è complessivamente favorevole" ma "ci sono alcune criticità". Tra queste, ha spiegato il governatore, c'è "lo sfondamento della spesa sanitaria, in cui la Puglia tradizionalmente, purtroppo, è una maglia nera in Italia. Il mio impegno, nel limite del possibile, è modificare questa negativa tradizione".  "Il passaggio di consegne tra me e Vendola – ha concluso – è avvenuto davanti a una Corte, e questo per me è stato particolarmente emozionante".

"Solo attraverso il rispetto dei conti – ha proseguito Emiliano – si può garantire con efficacia la certezza dei diritti individuali e tramandare la buona amministrazione alle successive generazioni".

 "Vendola – per Emiliano – ha guidato la Puglia in un momento storico che definire difficile è poco. Negli ultimi dieci anni la Puglia ha dovuto lottare contro i limiti della finanza pubblica, la crisi economica dirompente, i cambiamenti sulla struttura costituzionale dello Stato, l’incertezza sui modelli che sono stati di volta in volta imposti alle Regioni".

"Tutte le indicazioni ricevute dalla Corte dei conti – ha proseguito – saranno tenute in debita considerazione: mi riferisco soprattutto alla difficoltà di controllare la spesa farmaceutica, situazione storicamente stabilizzata che avrebbe bisogno di interventi più intensi e radicali".

"Penso – ha concluso – che il lavoro di adeguamento suggerito sia dalla relazione della consigliera Petrucci sia dalla requisitoria del procuratore Romanelli, sarà una guida importante per il prosieguo della mia attività".

Il governatore della Puglia, Michele Emiliano, ha annunciato di aver inviato stamani al sindaco di San Severo, Francesco Miglio, la comunicazione delle dimissioni da assessore "a seguito della mia proclamazione a presidente della giunta regionale della Puglia avvenuta in data 26 giugno 2015". "Puoi facilmente immaginare i miei sentimenti – ha scritto - mentre firmo questo atto. Vorrei al più presto incontrare te e la giunta per esternarveli".

Emiliano ricorda di aver svolto gratuitamente il suo incarico di assessore alla Legalità, Trasparenza, Sicurezza Urbana, Controllo del Territorio, Polizia Locale, Rapporto con le Forze dell’Ordine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione