Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 12:21

Solstizio d'estate Nasi su ad Acquaviva

Solstizio d'estate Nasi su ad Acquaviva
di CHIARA CURCI

ACQUAVIVA DELLE FONTI - L’estate è alle porte e per la gioia di tutti il 21 giugno, Solstizio d’estate, sta arrivando. Quel giorno in cui il sole raggiunge il punto più settentrionale (cioè più alto rispetto all’orizzonte) nella sua corsa annuale, regalando il massimo numero di ore di luce possibili nell’arco di una giornata e soprattutto segnando l’inizio della bella stagione. Una giornata memorabile soprattutto per gli amanti dell’astronomia che, sabato 20 giugno, potranno vivere una esperienza unica. La Società Astronomica Pugliese riapre al pubblico l’Osservatorio Astronomico Comunale di Acquaviva delle Fonti dalle 20,30 alle 22 per l’o sservazione di Saturno, il pianeta degli anelli, nell’ambito dell’iniziativa scientifica nazionale «Occhi su Saturno 2015».
Sguardi puntati in alto per osservare il pianeta più bello del sistema solare.

L’iniziativa, organizzata in ricordo di Gian Domenico Cassini, studioso di Saturno a cui è dedicata la sonda spaziale che tuttora sta viaggiando intorno al pianeta e ai suoi anelli, è giunta alla sua quarta edizione e ha come obiettivo quello di dare la possibilità a tutti di osservare con un telescopio questo straordinario pianeta per scoprire le meraviglie che brillano nel cielo notturno. «Occhi su Saturno» è nata nel 2012 da un’idea di «Stellaria», associazione astrofili di Perinaldo, piccolo borgo ligure luogo di nascita di Gian Domenico Cassini ed è un progetto scientifico diffuso in tutta Italia grazie alla collaborazione delle associazioni di astrofili, di singoli appassionati.

Dopo le osservazioni all’Osservatorio ci si potrà spostare nell’ag riturismo Solinio, cea di Cassano delle Murge, dove si festeggerà l’arrivo ufficiale dell’estate con altre osservazioni del pianeta al telescopio. Per maggiori informazioni si può visionare il sito www.osservatorioacquaviva.org.

Ma il solstizio d’estate regala anche uno spettacolo unico e magico nella Cattedrale di Bari. Come ogni anno i raggi del sole filtrano dal rosone della facciata e proiettano sul pavimento un fascio di luce che illumina il mosaico in marmo davanti all’altare maggiore. Un gioco di luci e prospettive che nasce dalla posizione in cui fu costruita la chiesa, con la facciata rivolta a Occidente e che fu scoperto soltanto nel 2005 dopo aver disposto in maniera diversa i banchi all’interno della chiesa. Sarà possibile ammirare questo suggestivo evento, che unisce lo splendore della natura e la grandiosità dell’arte umana, il 21 giugno pochi minuti dopo le 17.
Il fenomeno accomuna la Cattedrale di Bari ad altre chiese italiane ed europee.

Per gli amanti dello sport, invece, la sezione atletica Cus Bari, con il patrocinio del comune di Bari e della Regione Puglia, ha organizzato il 21 giugno la prima edizione de «Il Giro del Faro», una gara di corsa che interesserà i punti caratteristici della zona del faro, San Cataldo, l’Arena della Vittoria e la Fiera del Levante. Il ritrovo è fissato alle 8 sul Lungomare Starita all’ingresso del Cus Bari con partenza alle 9 e arrivo alla pista di atletica Cus Bari: due giri da 5 km per la gara di 10 km e un giro per quella da 5 km.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione