Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 00:12

Xylella, Forestale «visita« ministero e porta via documenti

Xylella, Forestale «visita« ministero e porta via documenti
LECCE - Trasferta romana  per gli uomini del Nucleo in vestigativo del Corpo Fore stale di Lecce. La scorsa set timana gli agenti hanno bus sato alle porte del Ministero  per le politiche agricole, per  chiedere di poter acquisire gli  atti relativi all’emergenza  proclamata dal dipartimento  di protezione civile. Ma fra gli  atti ci sono anche le carte  relative al disseccamento ra pido degli ulivi. Come sempre,  l’ordine di esibizione porta la  firma dei pubblici ministeri  di Lecce Elsa Valeria Mi gnone e Roberta Licci, ti tolari dell’inchiesta su Xylel la.

Ora i magistrati incroce ranno tutti gli elementi in loro  possesso, per cercare di capire  di più sul fenomeno e com prendere come il batterio sia  arrivato nel Salento. Al vaglio  della Procura anche i ritardi  con i quali le istituzioni han no affrontato il problema. 

Oggi si accendono anche  Oltralpe i riflettori sulla «fa stidiosa». A Strasburgo il par lamento europeo voterà la ri soluzione sulle misure an ti-contagio.
 Intanto arriva una buona  notizia dalla Basilicata, dove  in agro di Roccanova è da  escludere la presenza del bat terio. È quanto comunica l’Uf ficio fitosanitario del Dipar timento Politiche agricole del la regione Basilicata. Il so pralluogo è stato effettuato  ieri dagli ispettori fitosanitari  Vincenzo Castoro ed Emanue le D’Adamo in collaborazione  con il professor Ippolito Ca mele dell’Università di Basi licata.

L’équipe tecnica ha rego larmente campionato circa 80  piante rilevando che su al cune erano presenti seccumi.  Ad un primo riscontro gli  esperti hanno escluso che la  causa sia imputabile a Xylella  fastidiosa ma, verosimilmen te, a danni da freddo. Tuttavia,  saranno effettuate le relative  analisi presso i laboratori  dell’Università di Basilicata.  Già nei giorni scorsi gli ispet tori fitosanitari avevano ese guito sopraluoghi, su segna lazioni di agricoltori, che han no portato a escludere che i  danni fossero ascrivibili a  Xylella fastidiosa, cosa che è  stata confermata dalle analisi  dell’Università. In proposito  l’assessore regionale alle Po litiche agricole ha invitato  l’Ufficio fitosanitario a mo nitorare tutto il territorio lu cano e le organizzazioni di  produttori a indicare gli oli veti abbandonati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione