Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 22:03

Sentenze tributarie pilotate a Bari 11 proscioglimenti

Sentenze tributarie pilotate a Bari 11 proscioglimenti
BARI – La sesta sezione della Corte di Cassazione ha confermato il proscioglimento di 11 imputati nel processo barese sulle presunte sentenze tributarie pilotate noto come 'Gibbanzà. Rigettando il ricorso presentato dal pm di Bari Isabella Ginefra contro la sentenza del gip Alessandra Piliego. che nel giugno 2014 aveva dichiarato il non luogo a procedere per 6 imputati da ogni accusa e per altri 5 da alcuni capi di imputazione, tra cui il giudice Oronzo Quintavalle, i giudici della Suprema Corte hanno reso definitivi i proscioglimenti.

Il processo, attualmente in corso nei confronti di 24 imputati, riguarda fatti risalenti agli anni 2008-2012. Dagli accertamenti della guardia di finanza è emerso che a Bari alcuni imprenditori, che avevano subito nelle proprie aziende verifiche fiscali e risultavano sanzionabili per ingenti somme in relazione a gravi irregolarità amministrativo-contabili commesse, riuscivano a evitare il pagamento dovuto all’erario attraverso l’elargizione di "regalie" ai giudici delle Commissioni Tributarie (Provinciale o Regionale) alle quali veniva presentato il ricorso. Ad assicurare la buona riuscita dell’operazione l’intermediazione di avvocati e commercialisti.

L'inchiesta è stata ribattezzata 'Gibbanzà dal termine dialettale barese utilizzato in un’intercettazione per indicare la necessità che fosse pagata una tangente per avere una soluzione benevola dinnanzi alla Commissione.

Nell’ambito dell’indagine 23 persone sono state arrestate in due diverse operazioni del novembre 2010 e del maggio 2012.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione