Cerca

Lunedì 20 Novembre 2017 | 05:04

Imparare la speranza lezioni a Molfetta

MOLFETTA - Cresciuta in rete e nei passaparola, giunge al secondo incontro «HopeSchool», prima scuola italiana di speranza nata a Molfetta nell’ambito della attività della Meridiana editrice dall’azione di un gruppo creativo di professioniste nei settori della comunicazione, editoria, insegnamento, ricerca
Imparare la speranza lezioni a Molfetta
MOLFETTA - Cresciuta in rete e nei passaparola, giunge al secondo incontro «HopeSchool», prima scuola italiana di speranza nata a Molfetta nell’ambito della attività della Meridiana editrice dall’azione di un gruppo creativo di professioniste nei settori della comunicazione, editoria, insegnamento, ricerca.
«Disorientarsi: una ricerca sull’inibizione all’azione» sarà il tema dell’ incontro tenuto da A. Chiara Scardicchio, ricercatrice universitaria, prof.re di Pedagogia Sperimentale all'Università di Foggia: l'appuntamento è per martedì 24 marzo alle ore 17.30 presso la sede della Meridiana (via Sergio Fontana 10/c a Molfetta).

Da tutta Italia sono arrivate iscrizioni e richieste di partecipazioni anche online per il secondo degli HopeLab, lezioni face-to-face, in aula che a cadenza mensile andranno avanti fino a giugno. «La Speranza non si può insegnare ma si può imparare», dicono curiosamente le fondatrici. La scuola si prefigge di promuovere processi di resilienza e intraprendenza creativa nei giovani e negli adulti, nei soggetti dunque che, sebbene fuori dai percorsi di formazione obbligatoria, necessitano di apprendimento continuo

Sul sito della Scuola sono già on line il Manifesto e il libro di testo, scaricabili gratuitamente, come nella logica dell’intero progetto. A HopeSchool possono ancora iscriversi giovani e adulti inviando una mail a hopeschool@edizionilameridiana.it
La scuola non rilascia crediti ma competenze.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione