Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 23:19

Omicidio giovane albanese il killer a processo

BARI – Richiesta di giudizio immediato per il presunto killer di Florian Mesuti, il cittadino albanese di 25 anni ucciso a Bari il 29 agosto 2014. La Procura, concluse le indagini preliminari, ha infatti esercitato l’azione penale chiedendo il processo per il pregiudicato 23enne Francesco Caldarola, accusato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, porto e detenzione illegale di arma da fuoco
Omicidio giovane albanese il killer a processo
BARI – Richiesta di giudizio immediato per il presunto killer di Florian Mesuti, il cittadino albanese di 25 anni ucciso a Bari il 29 agosto 2014. La Procura, concluse le indagini preliminari, ha infatti esercitato l’azione penale chiedendo il processo per il pregiudicato 23enne Francesco Caldarola, accusato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi, porto e detenzione illegale di arma da fuoco.

Caldarola, figlio del boss del quartiere Libertà di Bari, era ricercato dal giorno del delitto e fu fermato il 2 settembre. Le indagini della Squadra Mobile, coordinate dal pm Baldo Pisani, hanno consentito di ricostruire i fatti in poche ore, grazie ai video di alcune telecamere di esercizi commerciali e alle testimonianze. Movente dell’omicidio sarebbe stato un litigio tra il fratello minorenne di Caldarola e un coetaneo albanese. La vittima sarebbe intervenuta per sedare la lite e questo affronto sarebbe poi stato punito con la morte.

Il processo per l’omicidio del 25enne albanese Florian Mesuti, ucciso a Bari il 29 agosto scorso, comincerà il 9 giugno dinanzi alla Corte di Assise di Bari. L'udienza è stata fissata dal gip Sergio Di Paola che ha accolto la richiesta di giudizio immediato avanzata dalla Procura nei confronti del pregiudicato 23enne Francesco Caldarola. "Non è irragionevole ipotizzare – scriveva il giudice nell’ordinanza d’arresto – che con quel gesto la famiglia intendesse esprimere in maniera ancor più eclatante quale controllo sia in grado di esercitare in quel quartiere".

Alcune settimane dopo il delitto e il fermo del presunto killer, il Comune di Bari preannunciò che si sarebbe costituito parte civile nel processo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione