Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 14:06

Beffa ospedale della Murgia E' nuovo ma la pista elisoccorso è inutilizzabile

ALTAMURA (Bari) - La pista c'è ma non è idonea. Mancano delle barriere per le raffiche che sono particolarmente intense, visto che il nuovo ospedale si trova in una zona spalancata ai venti. Inoltre la superficie è fratturata in alcuni punti. Il comando provinciale dei Vigili del fuoco, pertanto, non ha concesso il visto finale
Beffa ospedale della Murgia E' nuovo ma la pista elisoccorso è inutilizzabile
ONOFRIO BRUNO
ALTAMURA (Bari) - A quasi un anno dall’apertura dell’Ospedale della Murgia «Perinei», tra Altamura e Gravina, si corre ai ripari per l’adeguamento della superficie per l’elisoccorso. Manca il collaudo definitivo. E due settimane fa, per un trasporto urgente, non è stato possibile fare atterrare il velivolo arrivato da Matera, dirottato in prossimità dello stadio «D’Angelo». Proprio l’altro ieri c'è stato un sopralluogo tecnico per risolvere la questione. Nel frattempo agita il personale anche il caso delle ambulanze vetuste del 118.

Un ragazzo di Poggiorsini in gravissime condizioni per un incidente stradale viene trasportato ad Altamura. Serve un posto in reparti specialistici che qui mancano. Partono le chiamate. Si trova disponibilità al «San Carlo» di Potenza. Siccome l’elisuperficie non è utilizzabile, si autorizza l’atterraggio allo stadio. E l’elicottero, partito da Matera, scende in via Mura Megalitiche. Nel frattempo, il paziente, stabilizzato, viene condotto in ambulanza all’elicottero che riparte.

L'episodio ha destato delle polemiche perché la pista c'è ma non è idonea. Mancano delle barriere per le raffiche che sono particolarmente intense, visto che il nuovo ospedale si trova in una zona spalancata ai venti. Inoltre la superficie è fratturata in alcuni punti. Il comando provinciale dei Vigili del fuoco, pertanto, non ha concesso il visto finale. Ragion per cui la direzione ospedaliera ha riattivato le procedure. E proprio l’altro giorno si è tenuto un sopralluogo per valutare gli accorgimenti da adottare subito. Dall’ospedale precisano che, in quasi un anno dall’apertura, è stato «il primo caso di intervento dell’elicottero del 118». Ad ogni modo, visto che è in dotazione, è un disservizio non utilizzare la superficie.

Più immediato, anzi quotidiano, è il disagio degli operatori del pronto soccorso e del 118 che viaggiano su ambulanze molto vecchie e con obsolescenza pazzesca, con all’attivo ben oltre 200mila chilometri. Un mese fa un mezzo è sbandato. Un pericolo sia per gli occupanti sia per il ferito a bordo. «Ce la siamo vista veramente brutta, abbiamo avuto paura», racconta un componente l’équipe.

La Fsi (Federazione sindacati ospedalieri), rappresentata nella zona murgiana dal segretario regionale 118 Francesco Papappicco, ha inviato una lettera di fuoco alla Asl: «Gran parte delle ambulanze aziendali in dotazione - scrive - sono da rottamare o comunque da declassare ad altro uso (così come si evince da documenti della stessa Asl). In particolare le criticità maggiori riguardano le postazioni aziendali di Altamura, Gravina, Alberobello, Locorotondo, Putignano, Noci e Santeramo in cui ancora sono attive ambulanze “titolari” obsolete e fuori norma. Non rispettano in alcun modo i requisiti».

Un problema avvertito dagli operatori. E non negato. In tal caso, il diretto interessato è Antonio Di Bello, responsabile del pronto soccorso dell’Ospedale della Murgia e direttore ad interim del 118 della Asl barese: «Conosciamo il problema - dice - e lo stiamo affrontando. Il parco mezzi va assolutamente rinnovato. Ho presentato una dettagliata relazione al direttore generale (Vito Montanaro, ndr), con il risultato che l’azienda non acquisterà più solo sei ambulanze come stava facendo ma le porterà a 16, da mettere a disposizione sia del 118 che dei presidi. Gli atti sono stati già firmati dal direttore generale. Mi auguro - aggiunge Di Bello - che i tempi di gara non siano molto lunghi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione