Cerca

Venerdì 17 Novembre 2017 | 18:28

Una bomba carta fa esplodere sala giochi Otto feriti, tre gravissimi Vigile del fuoco: una guerra Il sindaco: un vile attentato

BARI – Un boato, poi le urla, i detriti, il sangue, e i lamenti dei feriti. "Una scena da guerra", così l’ha definita un vigile del fuoco, tra i primi, insieme con gli operatori del 118, a giungere poco prima dell’una di notte a Largo Nitti dove persone non ancora identificate hanno fatto esplodere davanti ad una saracinesca della sala giochi 'Green Tablè una bomba-carta provocando il ferimento di otto giovani che si trovavano all’interno del locale: due sono in rianimazione e lottano tra la vita e la morte, un terzo è in condizioni critiche ma non è in pericolo di vita. Gli altri sono stati sottoposti a cure mediche e le loro condizioni non destano preoccupazioni. Gli investigatori non escludono nessuna pista ma l’attentato è verosimilmente firmato dal racket delle estorsioni.
Una bomba carta fa esplodere sala giochi Otto feriti, tre gravissimi Vigile del fuoco: una guerra Il sindaco: un vile attentato
BARI – Otto giovani tra i 22 e i 26 anni sono rimasti feriti, tre dei quali in maniera molto grave, in una esplosione avvenuta, per cause non ancora accertate, in una sala giochi di Altamura (Bari), il Green Table, in largo Nitti. Sul posto sono intervenuti gli operatori del 118, Vigili del Fuoco e carabinieri. L'esplosione è avvenuta una mezz'ora dopo la mezzanotte. Dei feriti, uno è stato ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale della Murgia. Altri due feriti sono stati sottoposti ad intervento chirurgico.

UNA BOMBA CARTA - E' stata con molta probabilità una bomba carta piazzata al bordo di una delle finestre del locale a provocare l’esplosione che nella notte ha distrutto la sala giochi Green Table di Altamura provocando il ferimento di otto giovani, tre dei quali sono in gravissime condizioni. Secondo gli investigatori la bomba carta sarebbe stata piazzata poco dopo la mezzanotte da una persona, probabilmente appartenente ad una organizzazione dedita al racket delle estorsioni, che si è accorta che all’interno c'era un gruppo di giovani intento a giocare a carte.

SUL POSTO INVESTIGATORI DELLA DDA - Si sono recati anche gli investigatori della Direzione antimafia di Bari nella sala giochi dove nella notte, ad Altamura, si è verificata una esplosione che ha provocato il ferimento di alcuni giovani, tre dei quali sono ricoverati in gravi condizioni nell’ospedale della Murgia. Gli investigatori non escludono che l’esplosione possa essere stata provocata da un atto intimidatorio compiuto da appartenenti ad organizzazioni che gestiscono nella zona il racket delle estorsioni.

UNO DEI FERITI HA IL VOLTO SFIGURATO - I tre feriti più gravi Domenico Martinucci e Francesco Fiore, entrambi di 26 anni e ricoverati in reparti di Rianimazione. E' in gravissime condizioni anche un altro ragazzo di 25 anni di cui al momento non si conosce il nome e che – a quanto si è saputo – avrebbe il volto sfigurato a causa delle schegge che lo hanno colpito al viso nell’esplosione.
Non destano preoccupazioni invece le condizioni di altri cinque giovani che sono ricorsi alle cure dei sanitari e sono stati visitati e dimessi.
Il Green Table – questo il nome della sala giochi – è normalmente frequentato, a quanto si è saputo, da bravi ragazzi che si incontrano lì per trascorrere insieme le serate. L’esplosione ha devastato il locale e anche alcuni negozi attigui.

«NON VOLEVANO LA STRAGE» - Non voleva compiere una strage la o le persone che nella notte hanno collocato la bomba carta davanti alla sala giochi Green Table di Altamura provocando il ferimento di otto giovani che si trovavano all’interno del locale, tre dei quali sono in gravi condizioni. Chi ha agito voleva compiere un atto intimidatorio che però è andato «oltre»: è questa la convinzione degli investigatori del Nucleo Investigativo dei Carabinieri e della Dda di Bari (pm Giuseppe Gatti) che stanno indagando sull'accaduto.

 L'ordigno rudimentale – fabbricato con polvere pirica – è stato collocato davanti ad una vetrata del locale, che si trova nella parte opposta all’ingresso della sala giochi. La vetrata – coperta da manifesti che non avrebbero consentito una visione all’interno della sala giochi – nella esplosione è stata divelta e catapultata all’interno del locale, travolgendo il gruppetto di giovani che si trovava nella stanza.

PREFETTO: SIAMO FIDUCIOSI SULLE INDAGINI - "Sono diverse le ipotesi investigative interessanti e in fase di approfondimento riguardo alle quali gli investigatori sono fiduciosi. Speriamo di ottenere buoni risultati". Così il prefetto di Bari, Antonio Nunziante, al termine della riunione del Comitato per la sicurezza riunitosi d’urgenza in prefettura dopo l’esplosione avvenuta nella notte nella sala giochi Green Table che ha provocato il ferimento di otto giovani.
L’esplosione è stata provocata da un ordigno rudimentale collocato da persone non ancora identificate davanti ad una saracinesca del locale, nella parte opposta all’ubicazione dell’ingresso. Le indagini sono ad ampio raggio ma la pista più accreditata sembra essere quella di un attentato compiuto a scopo intimidatorio da persone legate ad una organizzazione dedita al racket delle estorsioni. Nel corso della riunione – ha detto Nunziante – "è stata esaminata tutta la situazione relativa all’ordine e alla sicurezza pubblica complessiva".

TRA I FERITI CALCIATORE CASTELLANETA – Fra gli otto giovani feriti la notte scorsa nella sala giochi di Altamura c'è Domenico Martinucci, di 26 anni, calciatore dell’Acd Castellaneta, che milita nel campionato di Eccellenza pugliese. Il giovane questa mattina è stato operato al cranio per la rimozione di alcune schegge.
Secondo quanto riportato sulla pagina Facebook del club tarantino “i medici del Policlinico comunicano che il ragazzo è sotto osservazione per il normale decorso post-operatorio ma resta in coma farmacologico. Nel nosocomio barese presenti in questo momento – prosegue la società di calcio – il mister della squadra Lippolis insieme ad un dirigente e ai familiari del giocatore. Forza Domi, siamo tutti con te”.
L'allenamento di oggi in preparazione della partita di domenica prossima Castellaneta-Novoli è stato sospeso. Sul social network sono numerosi i messaggi d’affetto e di vicinanza nei confronti del calciatore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione