Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 15:15

Scommesse, Tar Puglia su bookmaker esteri «Serve concessione Stato»

BARI - La concessione statale richiesta per l’attività di gioco non va contro i principi comunitari. Il Tar Puglia ribadisce in un’ordinanza la legittimità del modello italiano respingendo il ricorso di un centro scommesse collegato a un bookmaker estero a cui era stata negata la licenza di pubblica sicurezza. 
Scommesse, Tar Puglia su bookmaker esteri «Serve concessione Stato»
BARI - La concessione statale richiesta per l’attività di gioco non va contro i principi comunitari. Il Tar Puglia ribadisce in un’ordinanza la legittimità del modello italiano respingendo il ricorso di un centro scommesse collegato a un bookmaker estero a cui era stata negata la licenza di pubblica sicurezza.
I giudici amministrativi, riporta Agipronews, sottolineano che "non può ritenersi contrario ai principi comunitari che uno Stato pretenda che la concessione di cui sopra sia stata rilasciata dalle autorità nazionali, non ritenendo invece equipollenti analoghe licenze rilasciate all’estero".
Una scelta legittima "connessa alla delicatezza del settore interessato" e dalla necessità di ogni Stato "di controllare, all’atto del rilascio delle concessioni, le società operanti nel campo delle scommesse, così da evitare l’infiltrazione in esse di attività criminali". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione