Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 19:05

Aggressione vigilia Natale a Bari: indagati restano in carcere

BARI – Il Tribunale del Riesame di Bari ha rigettato le richieste di revoca delle misure cautelari nei confronti dei cinque presunti responsabili dell’aggressione del 24 dicembre scorso nel centro di Bari. Restano quindi in carcere Sabino Milloni, di 30 anni, Massimiliano Mercoledisanto, di 32 anni e i fratelli Vito e Onofrio Turitto, di 28 e 24 anni.
Aggressione vigilia Natale a Bari: indagati restano in carcere
BARI – Il Tribunale del Riesame di Bari ha rigettato le richieste di revoca delle misure cautelari nei confronti dei cinque presunti responsabili dell’aggressione del 24 dicembre scorso nel centro di Bari. Restano quindi in carcere Sabino Milloni, di 30 anni, Massimiliano Mercoledisanto, di 32 anni e i fratelli Vito e Onofrio Turitto, di 28 e 24 anni.

Per tutti l’accusa è di lesioni personali aggravate e violenza sessuale di gruppo. Confermati gli arresti domiciliari per la 29enne Donatella Mercoledisanto, moglie di Milloni e sorella di Massimiliano Mercoledisanto. Nei suoi confronti i giudici del Riesame hanno però escluso la contestata violenza sessuale.

Durante l’aggressione rimase ferito un 23enne di Putignano, residente a Panama per lavoro. Il ragazzo fu picchiato violentemente all’esterno di un locale in corso Vittorio Emanuele perchè intervenuto in difesa di una sua amica panamense, presunta vittima della violenza sessuale.

I cinque, riconosciuti da testimoni e grazie ad alcuni video girati dai presenti, sono stati arrestati dalla polizia il 23 gennaio. Nei giorni scorsi sono state depositate agli atti del fascicolo coordinato dal pm Marcello Barbanente nuovi atti d’indagine. In particolare, oltre ai video dell’aggressione, gli investigatori hanno raccolto nuove dichiarazioni di alcuni testimoni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione