Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 01:10

Bari

Raddoppia le sedi
bar strappato alla mafia

Il punto vendita è di proprietà della Sebasta srl, società in amministrazione giudiziaria, sottoposta a confisca di prevenzione dal Tribunale di Bari

bar stazione

Bari Nord Cafè raddoppia: è stato infatti inaugurato questa mattina il nuovo punto vendita nella stazione di Bari centrale delle Ferrovie del Nord Barese, che si aggiunge all’altro – storico – situato nell’atrio della stazione in P.zza Aldo Moro. Il punto vendita si sviluppa su una superficie di circa 25 metri quadrati e presto disporrà anche dell’adiacente area esterna. 

Il bar è  di proprietà della Sebasta srl, società in amministrazione giudiziaria, sottoposta a confisca di prevenzione dal Tribunale di Bari in quanto ritenuta nella disponibilità di soggetto già destinatario della misura di prevenzione della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di soggiorno e dichiarato decaduto da licenze e autorizzazioni.

«L’apertura di questo nuovo esercizio, dopo la recente inaugurazione lo scorso luglio dell’altro punto vendita di proprietà della stessa società, all’interno delle Ferrovie Appulo Lucane – dichiara il Presidente del Tribunale di Bari, sezione Misure di Prevenzione, Francesca La Malfa - testimonia l’impegno del Tribunale e dell’amministrazione giudiziaria, nello spirito dello stesso Testo Unico Antimafia, di assicurare non solo il pieno esercizio delle attività in corso, mantenendo i posti di lavoro già in essere, ma anche di favorire le iniziative imprenditoriali rendendo così produttivi i beni confiscati e assicurando nuovi posti di lavoro. Sono purtroppo note le difficoltà che lo Stato incontra per far "sopravvivere" nella legalità le aziende confiscate, e dunque sotto questo profilo desidero sottolineare la proficua collaborazione tra l’amministrazione giudiziaria e Ferrotramviaria spa, società titolare delle infrastrutture delle Ferrovie del Nord Barese, nella realizzazione di questa nuova attività».

«Il Bari Nord Cafè è un servizio ulteriore offerto ai nostri viaggiatori – afferma l’ing. Massimo Nitti, Direttore generale Trasporto di Ferrotramviaria S.p.A. – che darà la possibilità anche a turisti e quanti vivono quotidianamente la stazione, di trascorrere una piacevole pausa. Il punto ristoro si inquadra nel più ampio progetto di restyling della nostra stazione».

Il bar occuperà tre unità lavorative neoassunte e sarà aperto dal lunedì al sabato dalle 5,00 alle 21,00.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • altmen65

    altmen65

    17 Gennaio 2016 - 10:10

    Sicuramente farà la stessa fine come tante attività gestite da enti pubblici che se ne fregano.Solo con gestione privata si può realizzare e incrementare il fatturato.Il privato passa di prima persona i sacrifici che si fanno e non ai pubblici responsabili solo a fregare soldi ai contribuenti.Sicuramente tutti gli esercenti piacerebbe essere pagati a fine mese con stipendi sicuri,ferie tredicesime

    Rispondi

  • rossini

    16 Gennaio 2016 - 08:08

    Solo in tre lavoratori per coprire ben 19 ore di apertura giornaliera? E quando uno si ammala o va in ferie? Uhm, me la vedo nera. Non è che farà la fine della Gelateria della Legalità aperta al lungomare accanto al Bar Riviera?

    Rispondi

Altri articoli dalla sezione