Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 19:06

Omicidio a Gioia del Colle Uccide moglie a martellate arrestato pensionato

GIOIA DEL COLLE – Un pensionato di 66 anni, Pietro De Mattia, ha ucciso sua moglie, Antonia Cirasola, di 56 anni, colpendola alla testa con un martello. L’omicidio è avvenuto a Gioia del Colle in casa di una parente che, in quel momento, era fuori. All’improvviso, per futili motivi pare legati a divergenze caratteriali, c'è stato un diverbio tra i coniugi durante il quale l’uomo, esasperato, ha afferrato un piccone riposto in uno stanzino e lo ha scagliato sulla testa della moglie (nella foto l'uomo con la moglie)
Omicidio a Gioia del Colle Uccide moglie a martellate arrestato pensionato
GIOIA DEL COLLE (BARI) – "Aiutami, ho fatto una stupidaggine". Dopo aver colpito al capo la moglie con un colpo di piccone, Pietro De Mattia, pensionato di 66 anni, è sceso per strada e ha chiesto aiuto ad un conoscente. Lo ha portato il casa, gli ha mostrato il corpo della moglie esanime sul pavimento accanto ad una pozza di sangue, e lo ha implorato di aiutarlo. Ma nessuno poteva far nulla, nemmeno i soccorritori del 118 giunti subito sul posto, perchè la donna, Antonia Cirasola, di 56 anni, era già morta.

L’uomo è stato quindi preso in consegna dai carabinieri della compagnia di Gioia del Colle (Bari) e portato in caserma, dove ha confessato il delitto ed è stato arrestato.

La tragedia è avvenuta all’ora di pranzo, in via Adamo, nel centro di Gioia del Colle, a circa 50 chilometri a sud est di Bari. La coppia era andata a casa di un’anziana cugina di De Mattia, da tempo ricoverata in una casa di riposo. Marito e moglie si occupavano di far arieggiare l’appartamento, di sbrigare alcune faccende domestiche e di prendere la posta.

All’improvviso, per futili motivi pare legati a divergenze caratteriali, c'è stato un diverbio durante il quale l’uomo, esasperato, ha afferrato un piccone riposto in uno stanzino e lo ha scagliato sulla testa della moglie. L’ha colpita una sola volta. La donna ha perso i sensi ed è caduta per terra. A questo punto De Mattia è sceso in strada per chiedere aiuto.

Ha incontrato un conoscente e gli ha confessato: "Aiutami, ho fatto una stupidaggine". Gli ha raccontato quello che aveva fatto, gli ha parlato del raptus che lo aveva spinto a colpire la moglie. Ma l’amico non ha potuto far nulla. Era troppo tardi. E’ stato lo stesso Di Mattia a raccontare quello che aveva fatto ai carabinieri comandati dal capitano Fabio Di Benedetto. "Si è trattato di un raptus", dicono i militari, che confermano che i coniugi non avevano mai avuto problemi.

I due, lui tipografo in pensione con la passione per la scrittura, lei casalinga, erano conosciuti in paese come persone miti e pacate. Non avevano mai avuto comportamenti tali da suscitare preoccupazioni. Chi li conosce non ricorda nemmeno una lite furiosa tra i due, anzi li avevano visti sempre uniti nella loro casa di Gioia del Colle, città in cui vivono anche i loro due figli: un maschio e una femmina di circa 30 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione