Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 07:48

«Quando la Began fece una scenata di gelosia a Berlusconi» «Ad Arcore ragazze in abiti sexy» «Sapevo di cene ambigue»

BARI – E' stata rinviata al 16 febbraio prossimo l’udienza del processo escort in corso a Bari a carico di sette imputati, tra cui Gianpaolo Tarantini e Sabina Beganovic. Un’ulteriore udienza è fissata per il 2 marzo. Quattordici i testimoni citati oggi. Roberta Nigro: "Il 5 settembre 2008 ho partecipato ad una cena a Palazzo Grazioli con Silvio Berlusconi, George Clooney, Eva Cavalli e un’altra decina di persone, tra cui Gianpaolo Tarantini. Al termine della cena il presidente si sedette vicino a me e cominciammo a parlare. All’improvviso si avvicinò a noi Sabina Beganovic (nella foto) che fece una scenata di gelosia e mi aggredì..."
«Quando la Began fece una scenata di gelosia a Berlusconi» «Ad Arcore ragazze in abiti sexy» «Sapevo di cene ambigue»
BARI – C'è un fil rouge che lega il processo  Ruby a quello barese sulle escort che Gianpaolo Tarantini ha portato nelle residenze di Silvio Berlusconi tra il 2008 e il 2009. Sono i soldi, il sesso e le presunte bugie di alcune ragazze. Per questo i pm baresi Eugenia Pontassuglia e Ciro Angelillis, hanno acquisito i verbali di quattro udienze del processo Ruby che riguardano le posizioni di Silvio Berlusconi e Lele Mora. In quei verbali, del 2012-2013, si parla dei soldi che venivano dati alle ragazze, alcune delle quali, le cosiddette Olgettine, erano stipendiate mensilmente con 2.500 euro; delle feste 'hot' ad Arcore dove ragazze come l’ex valletta di Colorado Caffè, Marysthell Garcia Polanco, si travestiva da Ilda Boccassini (con addosso una toga nera e sotto la biancheria da burlesque); e dei 20 milioni di euro che Giuseppe Spinelli, il ragioniere che gestiva il portafoglio di Berlusconi e preparava le buste per il 'menagè delle 'papigirl', ha detto ai giudici di aver portato in due anni a Villa San Martino. Molto di più, quindi, delle vacillanti dichiarazioni rese finora dalle testimoni che hanno deposto a Bari. Una di queste, Roberta Nigro, oggi ha parlato in aula della "imbarazzante scenata di gelosia" subita pubblicamente da Berlusconi da parte di Sabina Beganovic (in arte Began), l’Ape regina dell’allora premier, durante una festa a Palazzo Grazioli.

Un tema, quello del danaro in cambio di sesso, finora svelato solo da Patrizia D’Addario che ha deposto al processo barese sulle escort a carico di Tarantini, Began e di altri cinque imputati accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata all’induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Di Began ha parlato oggi a Bari Roberta Nigro che, incalzata dalle domande dei pm, ha però escluso di aver avuto rapporti sessuali con l’ex Cav. Di Nigro ha riferito nel processo Ruby la modella Imane Fadil il 16 aprile 2012. “Una sera nella saletta del Bunga Bunga – disse Fadil – Roberta Nigro iniziò a ballare con Lisa Barizonte e le due cominciarono a toccarsi e Lisa tolse le mutandine alla Nigro”. Nigro, invece, oggi ha ammesso solo di aver trascorso, assieme all’amica Sonia Carpentone, una cena e un dopocena a Palazzo Grazioli il 5 settembre 2008 e di essere stata "in camera da letto a parlare con Berlusconi fino alle 6.30 del mattino seguente". Prima della lunga chiacchierata, Nigro ha detto di essere stata "aggredita" da Sabina Began mentre si trovava su un divanetto a parlare con Berlusconi. Began – ha raccontato la testimone – rivolta al presidente disse cose parecchio pesanti del tipo: "Che fai qui a dare retta a questa t...". Tagliente anche il giudizio della Nigro su Tarantini: "Quando me lo presentò Sonia Carpentone le dissi: 'E questo avanzo di galera da dove è uscito?'".

All’udienza ha deposto anche la giovane pittrice milanese Clarissa Campironi. "Ho partecipato ad una festa ad Arcore, dopo quella del 16 ottobre 2008 a Palazzo Grazioli, e lì ho capito qual era l’andazzo di quegli incontri perchè c'erano troppe ragazze che ammiccavano elegantemente al presidente Berlusconi ed indossavano abiti sexy, come fanno le show girl. Ci fu una ragazza che si mise sulle ginocchia del presidente e lo abbracciò. Era una donna molto prosperosa e molto scollata, mi sentii a disagio e declinai un invito a trascorrere una vacanza con Berlusconi nella sua villa ad Antigua". Si torna in aula il 16 febbraio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione