Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 08:44

La maga della parmigiana miss masterchef simpatia

di ENRICA D’ACCIÒ
BITONTO - La parmigiana di melanzane, il suo cavallo di battaglia, qualche battuta birichina al supercattivone Carlo Cracco ma soprattutto il polpo che ha commosso anche Michele Emiliano e al quale promette: «Se gli fa piacere, appena torno a Bari, preparo il polpo anche per lui». Queste le istantanee di Silvana Amodeo, 32enne mamma e casalinga di Bitonto, concorrente della quarta edizione di MasterChef Italia
La maga della parmigiana miss masterchef simpatia
di ENRICA D’ACCIÒ

BITONTO - La parmigiana di melanzane, il suo cavallo di battaglia, qualche battuta birichina al supercattivone Carlo Cracco ma soprattutto il polpo che ha commosso anche Michele Emiliano e al quale promette: «Se gli fa piacere, appena torno a Bari, preparo il polpo anche per lui». Queste le istantanee di Silvana Amodeo, 32enne mamma e casalinga di Bitonto, concorrente della quarta edizione di MasterChef Italia. Silvana ha lasciato il talent show di cucina la scorsa settimana, a metà delle 24 puntate in programma. Ora è in tour in tutt’Italia con la megaproduzione televisiva che organizza, anche con i concorrenti già eliminati, interviste radiofoniche e televisive, comparsate in libreria e nei locali. «Sto bene. Sono una sportiva e accetto la sconfitta. E poi sono arrivata a metà percorso ed è già un risultato importante».

Nelle 12 puntate, già andate in onda sui canali Sky, molte lacrime di commozione, qualche sorriso malizioso all’indirizzo di uno dei giudici, appunto Cracco, e soprattutto, un sontuoso piatto di pesce che ha conquistato anche Emiliano. «La concorrente di Bitonto a MasterChef - così ha commentato l’ex sindaco di Bari sul suo profilo Facebook appena qualche giorno fa - che deve cucinare un polpo, lasciando tutti a bocca aperta, comincia a sbattere il polpo sul tavolo della cucina e dice “Vabbè, non è uno scoglio ma va bene lo stesso”. Epica. Grandissima. Commovente. Forza Puglia. Polpo, e olive di Cerignola».

«Sì, ho saputo di questo commento - risponde Silvana - e mi ha fatto piacere perché, per tutta la gara, ho sempre cercato di promuovere la nostra cucina, il nostro territorio. Per fare parlare bene della nostra terra. Ci tenevo davvero tanto. E allora, quando torno a Bari possiamo organizzare qualcosa, preparo io un piatto con polpo, anche per Emiliano».

Ribattezzata dai giudici «la Shirley Temple di Bitonto», evidentemente per via del caschetto biondo, Silvana Amodeo non ha alcuna intenzione di mollare questa carriera: «Avere partecipato a MasterChef, per me, è solo l’inizio di un percorso di studio e di lavoro che comincia ora. Non voglio abbandonare il sogno di diventare chef, magari cominciando al fianco di grandi professionisti di prestigio nazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione