Cerca

Sabato 25 Novembre 2017 | 05:09

Cacciatori sparano ad un passo dalle case

di LUCREZIA D’AMBROSIO
MOLFETTA - L’esercito delle doppiette spara a ridosso delle abitazioni. A pochi metri dal Pulo, nel fondo Azzollini, ma anche in località Madonna della Rosa, in prossimità di Lama Martina e Lama Cupa, e perfino vicino a villaggio Belgiovine. Tutte zone fortemente antropizzate e comunque vicinissime al centro abitato. A lanciare l’allarme è la Lac Puglia, cioè la sezione regionale della Lega per l’abolizione della caccia
Cacciatori sparano ad un passo dalle case
di LUCREZIA D’AMBROSIO

MOLFETTA - L’esercito delle doppiette spara a ridosso delle abitazioni. A pochi metri dal Pulo, nel fondo Azzollini, ma anche in località Madonna della Rosa, in prossimità di Lama Martina e Lama Cupa, e perfino vicino a villaggio Belgiovine. Tutte zone fortemente antropizzate e comunque vicinissime al centro abitato. A lanciare l’allarme è la Lac Puglia, cioè la sezione regionale della Lega per l’abolizione della caccia. «Non solo le aree protette vengono prese di mira dai cacciatori - dice Pasquale Salvemini, delegato regionale Lac - ma anche le città e soprattutto le aree molto affollate. Molfetta, in questo, non viene esclusa dai raid di chi non esita a sparare a ridosso delle abitazioni. E allora ecco che nonostante stia giungendo al termine la stagione venatoria corrente, non si possono assolutamente trascurare le problematiche legate all’esercito delle doppiette».

Salvemini attacca: «In una regione dove i controlli sono pari a zero, si assiste a un copioso assalto venatorio proprio a ridosso delle cinture urbane». Risultato? «Sono decine le segnalazioni dei residenti di quelle zone che sono giunte alla Lac Puglia, nelle quali si lamenta la presenza di cacciatori a pochi metri dal Pulo, alla Madonna delle Rose, in particolar modo nella zona di Lama Martina e Lama Cupa e infine a ridosso del villaggio Belgiovine. Squadre di 8-10 uomini intenti a svolgere la classica ma vietata caccia a rastrello negli uliveti, effettuando vere e proprie mattanze di tordi ma anche di altre specie, comprese quelle protette».

Il rumore delle doppiette ha messo in allarme non solo i volatili, ma soprattutto i tanti esseri umani che in quelle zone ci abitano, e pure da tempo, e temono di finire nella traiettoria di qualche bracconiere poco avvezzo al rispetto delle regole. Tanto più che nei fondi attigui alle abitazioni e alle ville sono evidenti le tracce del passaggio dei cacciatori.
«Come è noto - continua Salvemini -, chiunque dovesse essere fermato mentre si avventura in zone vicine ad aree urbane o comunque popolate rischia denunce a carattere penale ma anche sanzioni pesanti. Eppure la prospettiva non spaventa i cacciatori. La cosa peggiore sta nel fatto che nonostante l’esercito delle doppiette sia sempre più scarno a livello nazionale e regionale, i controlli, al fine di scongiurare eventuali incidenti alla popolazione, continuano a essere insufficienti. A pochi giorni dalla fine della stagione venatoria - conclude - si registrano deliranti dichiarazioni fatte da esponenti politici regionali che auspicano l’apertura delle frontiere pugliesi, in nome dell’economia, al turismo venatorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione