Cerca

Lunedì 20 Novembre 2017 | 06:36

Sanità in Puglia «Ci sono i margini per recuperare risorse»

BARI – "Il sistema sanitario ha tante risorse ed alcune secondo me sono spese molto male come per la farmaceutica, le protesi e gli ausili, o l’appropriatezza prescrittiva. Ci sono quindi i margini per recuperare ingenti risorse", ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Donato Pentassuglia, tenendo oggi a Bari una conferenza stampa in cui ha fatto il punto sugli ultimi provvedimenti approvati dalla Giunta il 30 dicembre scorso in materia sanitaria. "In questo scorcio di fine legislatura lasciamo provvedimenti importanti al sistema e regole chiare ai nuovi direttori generali"
Sanità in Puglia «Ci sono i margini per recuperare risorse»
BARI – "Il sistema sanitario ha tante risorse ed alcune secondo me sono spese molto male come per la farmaceutica, le protesi e gli ausili, o l’appropriatezza prescrittiva. Ci sono quindi i margini per recuperare ingenti risorse". Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Donato Pentassuglia, tenendo oggi a Bari una conferenza stampa in cui ha fatto il punto sugli ultimi provvedimenti approvati dalla Giunta il 30 dicembre scorso in materia sanitaria.

"Noi stiamo qualificando sempre più la spesa, anche per consentire al prossimo governo regionale di essere nelle condizioni di decidere senza fregola e sulla base di una serie ed attenta programmazione. Abbiamo completato – ha spiegato Pentassuglia – una fase complicata e delicata che in questi 5 mesi ci ha visto due giorni a settimana a Roma per combattere sul fronte dello sblocco delle assunzioni, del patto della salute, del riparto del fondo". "Dal 20 al 31 gennaio preparerò il Documento di indirizzo economico funzionale (Dief) della Sanità per mettere in condizioni le Asl di spendere ed accompagnerò il provvedimento con una delibera di rimodulazione dei servizi territoriali, ospedalieri e del privato accreditato".

"Il Dief – ha aggiunto l’assessore – è in ritardo per il fatto che non conosciamo l’impatto dei tagli che il governo farà ricadere sulle Regioni. Siamo infatti in attesa della convocazione a Roma ed entro il 31 si conoscerà l’entità dei tagli. Il nostro obiettivo resta, territorio per territorio, una presa in carico vera ed efficiente. Non solo approveremo il Dief ma porteremo in Commissione il disegno di legge per la riforma dell’Ares, che vedrà andare a breve in pensione il suo Direttore generale". "La riforma – ha detto ancora – metterà in condizione assessore e Giunta di avere nell’agenzia un supporto tecnico-scientifico che governi le scelte politiche. Il provvedimento di legge arriverà nella fase finale della consiliatura, ma sempre nel rispetto per i cittadini pugliesi che non hanno bisogno di blitz, ma di leggi che consentano al sistema di lavorare".

Pentassuglia ha voluto "ringraziare tutti gli operatori sanitari che nonostante la ristrettezza delle risorse umane lavorano con abnegazione". Allo stesso tempo Pentassuglia "dico a tutti che in un sistema così complesso e difficile tenteremo con il lavoro quotidiano di isolare le poche mele marce".

"In questo scorcio di fine legislatura lasciamo provvedimenti importanti al sistema e regole chiare ai nuovi direttori generali" ha poi spiegato l'assessore regionale. "Ben 28 sono state le delibere approvate nell’ultima giunta dell’anno, frutto della concertazione con le parti sociali e con il partenariato. Nessun blitz, ma documenti – secondo l’assessore –  che danno elementi di certezza univoci ai direttori generali indicati, che dal 12 gennaio saranno commissari proprio per non lasciare il sistema senza governo in una situazione così complessa. Subentreranno come commissari perchè non si perda tempo: incardinando subito l'attività dei nuovi Dg nelle more dell’attività endoprocedimentale per acquisire i pareri, come ad esempio della conferenza dei sindaci, noi siamo già nelle condizioni di avere commissari che conoscono la struttura, si preparano la squadra di lavoro e che iniziano a lavorare il prima possibile".

"Tempo per conoscere e organizzare le macchine aziendali, anche perchè fino a questa mattina non conosciamo ancora i provvedimenti che il governo intende attuare in materia di sanità anche per il problema della cosiddetta 'terra dei fuochì che coinvolge anche la Puglia". "In Giunta – ha aggiunto - abbiamo approvato provvedimenti importati e sono particolarmente orgoglioso di quelli relativi alla rete regionale delle malattie reumatiche, che dà completezza al sistema, della rete ematologia e del piano della prevenzione e della formazione". "Sono – ha concluso l’assessore – cartine di tornasole importanti per il governo del nostro territorio e per l’attenzione rivolta ai malati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione