Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 10:52

I banchetti «pugliesi» riscaldano la Città Eterna

BARI - L'appuntamento per la cerimonia ufficiale era fissato per ieri pomeriggio, venerdì 12 al teatro Traetta di Bitonto dove l'associazione pugliesi nel mondo ha premiato la crèm dell'economia, della musica e del giornalismo. Ecco allora, introdotti dal popolare conduttore barese di Striscia la notizia, Mingo, i pugliesi premiati: il direttore d'orchestra Riccardo Muti, nativo di Molfetta, l'amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello stato Michele Elia (foto), originario di Castellana Grotte, lo stilista Emanuel Ungaro (Francavilla Fontana) e i giornalisti Michele Mirabella (Bitonto) e Monica Setta (Brindisi)
I banchetti «pugliesi» riscaldano la Città Eterna
BARI - L'appuntamento per la cerimonia ufficiale era fissato per ieri pomeriggio, venerdì 12 al teatro Traetta di Bitonto dove l'associazione pugliesi nel mondo ha premiato la crèm dell'economia, della musica e del giornalismo.

Ecco allora, introdotti dal popolare conduttore barese di Striscia la notizia, Mingo, i pugliesi premiati: il direttore d'orchestra Riccardo Muti, nativo di Molfetta, l'amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello stato Michele Elia, originario di Castellana Grotte, lo stilista Emanuel Ungaro (Francavilla Fontana) e i giornalisti Michele Mirabella (Bitonto) e Monica Setta (Brindisi). Ma la vera festa è in programma la prossima settimana a Roma nei saloni affrescati dell'Hotel Ambasciatori di via Veneto che, grazie al giovanissimo manager Arturo Palma, ha già aperto le sue sontuose porte a griffe del Made in Italy come Marina Rinaldi, i fratelli Rossetti, la Sartoria Rossi e i Gallo delle omonime calze colorate.

«Dopo aver organizzato le cene con i marchesi di Barolo e i Berlucchi, siamo pronti a festeggiare i vip pugliesi», confida Palma, «Vogliamo essere gli ambasciatori dell'eccellenza italiana nel mondo e per la cena dedicata alla Puglia, il nostro esecutive chef Mario Falco firmerà un menù terra-mare a base di pesce con classici piatti della tradizione barese e salentina oltre al suo specifico tocco partenopeo». E le presenze dei pugliesi alle feste romane in agenda in questa mondanissima vigilia di Natale sono tutte degne di nota. Giusy Santomanco Caso, avvocato e fondatrice del movimento civico Ostuni democratica, sbarca nella capitale lunedì 15 nella veste di sostituto procuratore unico per la Puglia della Fip ( federazione italiana pallacanestro ) per la riunione con il presidente Giovanni Petrucci e presenzierà alla cena organizzata da Rosalba Grasso al Casale di Tor di Quinto.

Amica storica di don Andrea Gallo, la bella Giusy - look minimal chic, orecchini esotici e filo di perle- sta organizzando un percorso di cittadinanza attiva rivolto agli adolescenti in cui coinvolgerà, fra gli altri, l'ex ministro Massimo Bray, il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, il giornalista Loris Mazzetti dividendosi sempre più spesso fra Brindisi e la capitale. La sua mondanità e comunque a sfondo solidale. Lunedì 15, infatti, dopo la cena natalizia si raccolgono fondi per gli anziani della casa di riposo Santa Rita. Decisamente più social, invece, l'architetto Isabella Altamura Cirací che, pur essendo nata a Ceglie Messapica, si e trasferita da molti anni della capitale dove abita in un antichissimo palazzo d'epoca poco distante dalla residenza privata di Silvio Berlusconi.

Nel team che ha curato la mostra di Beverly Pepper all'Ara Pacis, Isabella ama invitare a casa apparecchiando con i classici piatti e bicchieri di Grottaglie. Il cocktail natalizio chez Altamura ( anche il marito Giorgio e brindisino ) si riconosce dall'indiscutibile segno caratteristico nel menù: orecchiette, frise e Negroamaro. Di stile totalmente «establishment» la mondanità romana di Michele Conte, uno degli avvocati più quotati della Puglia, specializzato in diritto vaticano con studio a Milano, che era fra gli invitati nel parterre des roi del cocktail della Lumsa, venerdì 12 dopo il convegno «De recte sapere» con Ombretta Fumagalli Carulli e studiosi di tutto il mondo. Conte che ha curato gli interessi della Curia de L'Aquila, è accreditato presso le alte sfere del Vaticano e organizza cene blindatissime in un ristorante a due passi da San Pietro ad alto tasso di presenza maschile.

Spartano anche il suo dinner di Natale a base di legumi, pesce lesso e macedonia (senza panettone). Fra gli habituée, Gimede Gigante e il quotatissimo professor Stefano Caselli, vice rector for international affairs dell'Università Bocconi di Milano. Non lasciatevi tuttavia ingannare dalle apparenze. Ci sono anche pugliesi mondanissimi come l'imprenditore ostunese Pietro Marseglia e la splendida moglie Helena Converso, invitati (quasi) a tutti gli appuntamenti che contano nella Città Eterna. Quali? Prendete nota. Dal Christmas party esotico delle Fendi che hanno riunito sotto il mega albero di Largo Goldoni con 250 baguette nei toni del rosso e dell'argento fino allo Street cocktail di Ilaria de Greneth nella boutique Rosato di via del Babuino passando per le cene riservate dell'attrice Linda Batista nel suo appartamento di piazza Mazzini dove si sono fatti notare, oltre alla coppia Marseglia- Converso, l'ex direttore di Rai fiction Fabrizio Del Noce, Valeria Marini e Loredana Lecciso. La compagna di Albano è fra le amiche più care sia di Helena Marseglia che della stessa Batista.

E la prossima settimana si ricomincia. Fino al 24 il cartellone e zeppo di appuntamenti. Il 15 appuntamento al Teatro Quirino per la kermesse «Una serenata per Roma» con Elena Bonelli, Noemi, Dolcenera, Mario Venuti e la tarantina Mariella Nava. Il 17 ci sono gli auguri di Natale dell'Hassler mentre il giorno prima, all'ora di colazione, ad invitare è la maison Peroni che festeggia anche la prima birra rigorosamente gluten free. Fra le celebrity invitate le attrici Giulia Bevilacqua, Isabella Ferrari, Miriam Leone, Alessandra Mastronardi insieme alle elegantissime up to date come Melusine Ruspoli, Maria Sole Torlonia, Ilaria Visconti di Modrone.

La festa romana a villa Miani - Due le serate top della settimana scorsa: la cena di Natale organizzata da Tiziana Rocca al Boscolo Exedra per pochi intimi e il dinner di gala della Roma a villa Miani. Illuminata in giallo e rosso, trionfi di champagne e stelle di Natale, la villa di Monte Mario ha accolto un numero ristretto di ospiti, a partire dai giocatori Miralem Pjianic, Marco Borriello, oltre al mitico Francesco Totti, a Rudi Garcia e al presidente James Pallotta. Cena a buffet per evitare di stare troppo seduti a tavola, spiegano dalla società e lasciare liberi i giocatori di godersi la festa. Una festa caratterizzata dalla musica live di Alex Britti oltre che dalle note folck dell'Orchestraccia. Forse per dimenticare l'ultima sconfitta e guardare al domani, i riflettori sono stati tutti puntati sul giovanissimo Michele Somma, classe 95 che per molti rappresenta il futuro della squadra giallorossa.

Se la festa della Roma si è conclusa doverosamente prima della mezzanotte, la soireé della Rocca è andata per le lunghe. Argomento clou ai tavoli dove si facevano notare per bellezza la giornalista del tg5 Simona Branchetti e le attrici Angela Tuccia e Giada Barbieri, l'ultimo libro ( La tua vita è un evento, vivila al Massimo. Cairo editore) di Tiziana Rocca che sta scalando le classifiche di vendita diventando uno dei Best seller di Natale. Promosso dall'Huffington post di Lucia Annunziata, il libro sarà presto presentato a New York dalla manager- scrittrice che per l'occasione dovrebbe avere come «madrina» nientemeno che la first lady d'America Michelle Obama.«Per ora non posso dire nulla», confessa Tiziana, «ma mi sto preparando ad esportare la formula del mio libro che då consigli alle donne per coniugare famiglia e carriera, anche ...all'estero». Intanto, la Rocca si gode il successo del film del marito regista Giulio Base «Mio papà» con Giorgio Pasotti e Donatella Finocchiaro che sta andando fortissimo al botteghino di Natale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione