Cerca

Sabato 25 Novembre 2017 | 05:09

Altamura, su il sipario del teatro Mercadante Muti per la riapertura

di ONOFRIO BRUNO
ALTAMURA - Con dodici spettacoli... «risuona il Mercadante». È stata intitolata così la prima Stagione musicale del Teatro Mercadante di Altamura, restituito a nuova vita dopo 24 anni di oblio. L’inaugurazione si terrà l’11 dicembre con l’Orchestra Giovanile «Cherubini» diretta da Riccardo Muti. A gennaio la prima data della Stagione che è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione Petruzzelli e Teatri di Bari
Altamura, su il sipario del teatro Mercadante Muti per la riapertura
di Onofrio Bruno

ALTAMURA - Con dodici spettacoli... «risuona il Mercadante». È stata intitolata così la prima Stagione musicale del Teatro Mercadante di Altamura, restituito a nuova vita dopo 24 anni di oblio. L’inaugurazione ufficiale si terrà l’11 dicembre con l’Orchestra Giovanile «Cherubini» diretta da Riccardo Muti. A gennaio la prima data della Stagione che è stata realizzata in collaborazione con la Fondazione Petruzzelli e Teatri di Bari.

È proprio questo sodalizio a caratterizzare la nuova primavera dello storico contenitore culturale che è stato restaurato e riaperto esclusivamente grazie all’imprenditoria locale. E, pertanto, l’ente lirico sinfonico, guidato dal sovrintendente Massimo Biscardi, è diventato un partner ideale per far ripartire il «tempio» della cultura altamurana. Ciò, in vista delle future gestioni che devono essere ancora definite. L’amministratore della Teatro Mercadante srl, Vito Barozzi, auspica l’interessamento delle istituzioni pubbliche a pieno titolo.

«Risuona il Mercadante», per tutto il 2015 (sino a novembre), presenta nove concerti di musica da camera, due sinfonici ed una corale sacra. Primo appuntamento il 13 gennaio con musiche di Brahms e Beethoven affidate a Paola Manzionna (violino), Michele Naglieri (clarinetto), Andrea Waccher (violoncello) e Luigi Ceci (pianoforte); secondo concerto il 20 gennaio, Schumann e Schubert, con Gabriele Ceci (violino), Maria Mastromatteo (violino), Jonathan Cutrona (viola), Andrea Waccher (violoncello) e Pierluigi Camicia (pianoforte). I due concerti di musica sinfonica sono eseguiti proprio dall’Orchestra del Teatro Petruzzelli. Uno si terrà il 21 febbraio, con direzione di Jader Bignamini e con la violinista Isabella Faust, uno dei nomi di spicco. Un altro è Michele Campanella, pianista listziano tra i più apprezzati sulla scena internazionale, che sarà sotto i riflettori l’11 giugno nel secondo concerto sinfonico, diretto da Stanislav Kochanovsky. Passando per altri concerti (sestetto d’archi o i pianisti solisti Michele Libetta ed il giovane altamurano di grande talento Leonardo Colafelice), si arriverà al 28 novembre con l’ultimo appuntamento in programma del Coro del Petruzzelli, diretto da Franco Sebastiani.

Il teatro Mercadante ha una capienza complessiva di 500 posti a sedere tra platea, palchi (livelli di primo, secondo e terzo ordine) e loggione. Nel frattempo si consumano gli ultimi giorni di attesa per il concerto inaugurale. Riccardo Muti ha chiesto una speciale camera acustica per esaltare ancora meglio la resa artistica, rispetto alla già ottima acustica del teatro fondato nel 1899.

OGGI FLAVIO INSINNA - Vivace la scena artistica in questa «rinascita» tutta altamurana. È in corso anche la quinta edizione della Stagione artistica «Componimenti» che non si tiene al teatro Mercadante bensì nell’auditorium del Santuario del Buoncammino. Stasera, con inizio alle 21, è di scena Flavio Insinna in Francesco, storia di un uomo, opera musicale dedicata a San Francesco di Tiziano Albanese (edizioni Rai Trade). È accompagnato dall’Orchestra Saverio Mercadante (direttore Maurizio Dones). Nei diversi momenti dello spettacolo, l’artista Paola Saracini realizzerà delle illustrazioni di sabbia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione