Cerca

Sabato 25 Novembre 2017 | 05:02

Finto carabiniere barese truffa sindaci nel Trentino

TRENTO – Fingendosi maresciallo dei carabinieri, ha raggirato alcuni sindaci del Trentino, spillando loro alcune migliaia di euro con il pretesto di un’iniziativa editoriale legata al bicentenario della fondazione dell’Arma. Il finto maresciallo, un trentenne della provincia di Bari alla fine è stato però smascherato dai veri carabinieri
Finto carabiniere barese truffa sindaci nel Trentino
TRENTO – Fingendosi maresciallo dei carabinieri, ha raggirato alcuni sindaci del Trentino, spillando loro alcune migliaia di euro con il pretesto di un’iniziativa editoriale legata al bicentenario della fondazione dell’Arma. Il finto maresciallo alla fine è stato però smascherato dai veri carabinieri.
Spacciandosi per il fantomatico maresciallo Sfregola e annunciandosi rappresentante dell’inesistente Sindacato nazionale autonomo dell’Arma dei Carabinieri presso il Comando generale, il presunto truffatore, un trentenne della provincia di Bari, telefonava a vari municipi chiedendo di parlare con il sindaco. Il "maresciallo" proponeva quindi al sindaco l'acquisto, ad un prezzo di 100-140 euro, di un volume contenente i duecento anni di storia dell’Arma dei Carabinieri e di un calendario storico della Benemerita con cordoncino in oro, edizioni speciali e limitate che affermava fossero pubblicate dal Comando generale proprio in occasione dell’anniversario.

Se sollecitato a fornire un recapito telefonico, un indirizzo e-mail o un altro recapito, tagliava però corto o interrompeva con una scusa la conversazione riservandosi di farsi vivo più avanti, cosa che non accadeva. Qualche sindaco, forse non volendo far torto all’Arma, ha accettato l’offerta e si è visto recapitare, tramite corriere, un pacco contenente un calendario (naturalmente senza cordoncino in oro) e una rivista che nulla aveva a che fare con i duecento anni di storia del Corpo, oggetti che messi insieme non raggiungevano un valore superiore di 10 euro.

Dopo la segnalazione di un sindaco della Val di Sole, i carabinieri nel giro di pochi giorni hanno scoperto la truffa e individuato il finto maresciallo che è stato denunciato per sostituzione di persona e truffa. Secondo quanto accertato dai carabinieri, pare che il giovane pugliese spedisse circa una trentina di pacchi a settimana, non soltanto verso il Trentino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione