Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 18:21

Il turismo nel futuro grazie a «Buy Puglia»

BARI - "Mentre il Sud rischia di morire, la Puglia lotta con le unghie e con i denti non solo per sopravvivere, ma per essere luogo di innovazione, di cambiamento, di futuro". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola che, insieme con l'assessore regionale al Turismo, Silvia Godelli, ha inaugurato oggi a Bari, nel quartiere fieristico, la seconda edizione del Buy Puglia, il più importante evento di business turistico della regione
Il turismo nel futuro grazie a «Buy Puglia»
BARI – "Mentre il Sud rischia di morire, la Puglia lotta con le unghie e con i denti non solo per sopravvivere, ma per essere luogo di innovazione, di cambiamento, di futuro". Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola che, insieme con l’assessore regionale al Turismo, Silvia Godelli, ha inaugurato oggi a Bari, nel quartiere fieristico, la seconda edizione del Buy Puglia, il più importante evento di business turistico della regione.
"Oggi è una giornata fortunata per la città di Bari e per la Puglia", ha detto Vendola nel suo saluto agli operatori. "La Puglia era invisibile e sconosciuta. Ora, nelle più importanti riviste, si parla di questo brand di qualità", ha aggiunto Vendola.

Ideato da Puglia Promozione, Buy Puglia è uno spazio di incontri B2B tra 220 buyer internazionali (provengono da 37 paesi del mondo) e 171 operatori pugliesi allestito nel padiglione 18 della Fiera del Levante. Un evento anticipato da un pre-tour, svoltosi nei giorni scorsi, che ha visto i buyer stranieri in giro per il territorio pugliese per testare di persona l’esperienza Puglia prima di avviare le trattative commerciali con gli operatori del settore. E tra i principali prodotti di interesse nell’ambito Leisure, i buyer hanno indicato l’enogastronomia (71% delle preferenze) e arte e cultura (70%). Dati che sorpassano le richieste afferenti al prodotto balneare (63% delle risposte a scelta multipla).

"Siamo passati da tanti sforzi per impacchettare un’offerta turistica decente, al massimo grado di professionalizzazione - ha proseguito Vendola – E oggi noi entriamo nei mercati mondiali riuscendo a rendere ben chiaro il profilo dell’offerta turistica della Puglia. Siamo tra i pochi luoghi d’Europa e d’Italia che vede il turismo crescere". E, infatti, i dati parlano chiaro: nei primi 8 mesi del 2014 in Puglia – è stato reso noto – si è registrato un più 5% di presenze straniere. Turisti che tra qualche giorno atterreranno a Bari in un aeroporto più adatto al traffico aereo che ormai si è sviluppato da e verso la Puglia. Incoming e outgoing che hanno convinto l’attuale amministrazione ad approvare anche il raddoppio per l’aerostazione di Brindisi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione