Cerca

Sabato 18 Novembre 2017 | 15:04

Sindaco di Bari Stop fuochi d'artificio per feste ai carcerati

BARI - Lotta alla criminalità e al degrado urbano, nasce il Gisu (Gruppo intervento sicurezza urbana) all’interno della polizia municipale e scatta l’ordinanza contro i fuochi d’artificio utilizzati in maniera impropria. Viene così costituito una sorta di corpo speciale, voluto dal sindaco Antonio Decaro, con competenza in materia di contrasto e controllo di situazioni di degrado urbano, presidio di piazze e giardini.
Sindaco di Bari Stop fuochi d'artificio per feste ai carcerati
BARI - Lotta alla criminalità e al degrado urbano, nasce il Gisu (Gruppo intervento sicurezza urbana) all’interno della polizia municipale e scatta l’ordinanza contro i fuochi d’artificio utilizzati in maniera impropria. Viene così costituito una sorta di corpo speciale, voluto dal sindaco Antonio Decaro, con competenza in materia di contrasto e controllo di situazioni di degrado urbano, presidio di piazze e giardini. Il gruppo di agenti collaborerà anche con altri uffici comunali dedicati alle emergenze legate al disagio sociale, in particolar modo di minori, emarginati e vittime di violenza.

«Stiamo impiegando tutte le energie e le risorse che abbiamo per affrontare la situazione - dichiara il sindaco, analizzando la situazione -. Ci sono zone della città che quotidianamente sono sottoposte ad atti vandalici. Da parte nostra non c’è mai stata nessuna intenzione di sottovalutare il rischio di degrado urbano che purtroppo corrono le piazze e i giardini, presi d’assalto da vecchie e nuove pratiche vandaliche » . «Non abbiamo mai sottovalutato neanche gli episodi di microcriminalità - aggiunge - che sono aumentati e che spesso si riversano sui cosiddetti soggetti “deboli” come: minori, anziani e donne. In più occasioni personalmente ho richiamato l’attenzione dei responsabili delle forze dell’o rd i n e, su alcuni presidi fondamentali, in modo da fronteggiare la situazione».

Quindi, il primo cittadino spiega la scelta di coinvolgere la polizia municipale attraverso un gruppo specializzato di agenti sulle attività di presidio delle piazze e controllo di situazioni a rischio di degrado urbano. «È il segnale che non intendiamo arretrare sul fronte della legalità e della qualità della vita nella nostra città», dice ancora il sindaco per poi fare un appello a tutti i cittadini. «Chiedo loro, ancora una volta, di collaborare e attivarsi in prima persona nella cura del bene pubblico».
«Non ci saranno mai vigili attenti e severi come gli stessi cittadini che amano la propria città - prosegue -. Non ci saranno mai abbastanza addetti al servizio di raccolta rifiuti se noi non impareremo a non sporcare la strada. Questo vale anche per le azioni di contrasto alla criminalità organizzata che dobbiamo combattere tutti insieme con piccoli e grandi gesti di legalità».

Ieri Decaro ha trasmesso al Prefetto un’ordinanza che vieta l’utilizzo di ogni tipo di fuochi d'artificio «in maniera impropria». «Questo per contrastare la prassi in uso, in diversi quartieri di Bari per alcuni gruppi di persone legate da vincoli di parentela a soggetti appartenenti alla criminalità organizzata, di utilizzare fuochi pirotecnici in occasione della scarcerazione di alcuni personaggi considerati “influenti” nelle organizzazioni criminali», spiega ancora il sindaco. «Questo comportamento, oltre ad arrecare disturbo alla quiete pubblica, costituisce, in modo esplicito o sottinteso, una modalità di intimidazione ed induzione all’assoggettamento e all’omertà dei residenti del quartiere. Sarò inflessibile e intollerante rispetto a fenomeni e comportamenti contrari al senso civico e che possano creare un pregiudizio al valore della legalità su cui si fonda una comunità», conclude. [n.perch.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione