Cerca

Domenica 19 Novembre 2017 | 13:31

«Mi hai rubato l'iphone» e  rapinavano ragazzini a Bari: presi due andriesi

BARI - Accusavano le vittime di furto e poi le costrigenvano a consegnare cellulari e contanti. I due incastrati dalle telecamere di alcuni engozi: uno era già in carcere per gli stessi reati commessi ad Andria
«Mi hai rubato l'iphone» e  rapinavano ragazzini a Bari: presi due andriesi
BARI - La tecnica era abbatsanza collaudata e perfetta. Fermavano i ragazzini nel centro della città, li accusavano di aver rubato il cellulare e, con il preste di «scagionarli» li inviatavano a mostrare i lorot elefonini salvo poi minacciarli con una pistola e depredarli.

Dopo alcuni mesi d’indagini coordinate dalla Procura di Bari, i Carabinieri della Compagnia di Bari Centro hanno individuato e arrestato su ordine del GIP del capoluogo, due andriesi di 22 e 31 anni, entrambi già noti alla giustizia, resisi responsabili nell’aprile scorso, assieme ad un terzo complice non identificato, di una rapina ai danni di alcuni minori che si trovavano a passeggiare in pieno centro in via Melo.

I ragazzi furono minacciati e costretti a seguire i rapinatori all’interno di un vicino condominio, dove sono stati depredati di due I-Phone, un I-Pod e circa cinquanta euro in contanti. La tecnica adoperata dai rapinatori è stata quella ormai consolidata e più volte utilizzata dal 22enne in passato, infatti è tuttora detenuto a Trani poiché recentemente arrestato dai carabinieri di Andria per rapine commesse con lo stesso metodo nel nord barese.

Ad incastrare i due andriesi sono state le immagini degli apparati di videosorveglianza di alcuni esercizi commerciali posti nelle vicinanze del luogo della rapina, acquisiti e poi passati al microscopio dai Carabinieri di Bari, che, mettendo a fuoco alcuni dettagli del modus operandi e sentendosi con i colleghi di Andria, hanno individuato le vecchie conoscenze. Il provvedimento è stato notificato in carcere a Trani al 22enne, mentre il 33enne è finito nel carcere di Bari.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione