Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 13:48

Primarie Regionali Minervini inaugura il comitato elettorale

BARI – Sconfiggere la crisi con la forza dei numeri e attraverso un piano straordinario che renderà possibile attivare 300 cantieri per combattere il dissesto idrogeologico, riqualificare l’ambiente e valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale. Lo ha sottolineato Guglielmo Minervini (Pd), candidato alle primarie del centrosinistra per la presidenza della Regione Puglia, che ha inaugurato oggi a Bari il proprio comitato elettorale, il suo "nodo", il quartiere generale – ha sottolineato – dove farà base per incontrare i cittadini della Puglia
Primarie Regionali Minervini inaugura il comitato elettorale
BARI – Sconfiggere la crisi con la forza dei numeri e attraverso un piano straordinario che renderà possibile attivare 300 cantieri per combattere il dissesto idrogeologico, riqualificare l’ambiente e valorizzare il patrimonio storico, artistico e culturale. Lo ha sottolineato Guglielmo Minervini (Pd), candidato alle primarie del centrosinistra per la presidenza della Regione Puglia, che ha inaugurato oggi a Bari il proprio comitato elettorale, il suo "nodo", il quartiere generale – ha sottolineato – dove farà base per incontrare i cittadini della Puglia e quanti vorranno essere i protagonisti del cambiamento attraverso processi di politica partecipata. Uno spazio in cui programmare attività che sperimentano il cambiamento: "ognuno – ha detto Minervini - potrà portare in via Putignani 14 ciò che sa e farlo assieme agli altri per esercitarsi a vivere in una dimensione di partecipazione, inclusione e innovazione dal basso".

"Ma i soldi per l’apertura dei cantieri dove sono?", è stato chiesto a Minervini che ha risposto: "Ci sono già", con l'impiego di una quota del Fondo sociale europeo e del Fondo europeo di sviluppo regionale destinati alla Puglia per il periodo 2014-2020. Disponibilità economica che, per esempio, si tradurrà in compensi di 1000 euro al mese per 5000 pugliesi impegnati, per 3 anni, nella cura e nella valorizzazione del territorio e nell’attivazione di 300 cantieri rispettando quelle priorità che i Comuni sapranno indicare. "Non c'è più tempo per delegare ad altri il futuro della regione e del Paese – ha detto a margine dell’incontro Minervini – Il futuro è oggi e abbiamo l'obbligo morale di renderlo fecondo attraverso un sistema virtuoso di spesa, di impiego dei fondi a disposizione, e l'impegno del sistema produttivo a fare squadra".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione