Cerca

Venerdì 17 Novembre 2017 | 18:31

Trasformazione del territorio «Urge in Puglia la legge per partecipazione cittadini»

BARI - Minervini dopo le tragedie in Puglia e Liguria. La legge non prescrive tecniche e metodi unici e standardizzati, ma prevede i livelli essenziali che ogni processo partecipativo deve garantire per essere effettivo. Dovranno essere coinvolti tutti i soggetti che possono essere interessati all’intervento proposto: singoli abitanti, associazioni, organizzazioni di partecipazione, formazioni sociali, di qualunque natura e costituiti in qualunque forma giuridica, istituzioni pubbliche, enti locali territoriali
Trasformazione del territorio «Urge in Puglia la legge per partecipazione cittadini»
BARI - Le recenti tragedie del maltempo, prima in Puglia, ora in Liguria, sono considerate dall'assessore regionale Gugliemo Minervini da stimolo per sollecitare l’approvazione del disegno di legge regionale: “Indirizzi e linee guida per la partecipazione nei processi di trasformazione del territorio”. Uno strumento - secondo Minervini - per far intervenire la cittadinanza nella fase di approvazione di grandi infrastrutture o insediamenti per i quali sia necessaria la Vas o la Via (Valutazione ambientale strategica o Valutazione impatto ambientale).
Quando si trasforma il territorio occorre sapiente capacità predittiva per eliminare ogni ipotesi di rischio idrogeologico. E occorre che gli interessi privati non siano prevalenti rispetto a quelli della comunità.

"Con questa norma, che intendiamo approvare prima del termine della legislatura, diamo effettività al diritto dei cittadini alla partecipazione. La legge non prescrive tecniche e metodi unici e standardizzati, ma prevede i livelli essenziali che ogni processo partecipativo deve garantire per essere effettivo. Dovranno essere coinvolti tutti i soggetti che possono essere interessati all’intervento proposto: singoli abitanti, associazioni, organizzazioni di partecipazione, formazioni sociali, di qualunque natura e costituiti in qualunque forma giuridica, istituzioni pubbliche, enti locali territoriali. Proposte di intervento sul territorio che dovranno essere scritte in linguaggio non specialistico e accessibile a tutti i cittadini al fine di favorire la comprensione e il processo reale di partecipazione alla cosa pubblica. Un processo di cambiamento e co-responsabile, fondato su trasparenza e tracciabilità, che da qui in poi dovrà diventare il baluardo delle buone prassi della politica e dell’evoluzione dei processi partecipativi al fine  di produrre nuovi paradigmi di trasformazione degli spazi di vita comune".

In Puglia - aggiunge - partirà un percorso per discutere col territorio del disegno di legge. Sei gli incontri previsti nei capoluoghi della regione per raccogliere idee e suggerimenti per migliorare la legge; la prima nel suo genere in Italia.

Nel frattempo auspichiamo che il governo dichiari quanto prima, per il Gargano, lo stato d’emergenza affinché il mondo agricolo e imprenditoriale, flagellato dal nubifragio, possa continuare ad avere fiducia nelle istituzioni e riprendere il cammino di impegno e lavoro con più vigore di prima".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione