Cerca

Martedì 21 Novembre 2017 | 16:53

Fiera sommersa di debiti indagati ex presidente e dg Viesti: sono tranquillo

BARI - L'ex presidente della Fiera del Levante di Bari, Gianfranco Viesti (nella foto), e l’ex dg dell’ente, Leonardo Volpicella, sono indagati a vario titolo per false comunicazioni sociali e abuso d’ufficio. L'inchiesta riguarda i debiti accumulati dall'ente negli ultimi anni
Fiera sommersa di debiti indagati ex presidente e dg Viesti: sono tranquillo
BARI – Un buco milionario e spese per decine di migliaia di euro che hanno quasi portato la Fiera del Levante al fallimento. Sui bilanci degli ultimi anni dell’ente la Procura di Bari ha in corso da tempo una indagine penale. Nei mesi scorsi si sono susseguite acquisizioni di documenti da parte dei militari della Guardia di Finanza e solo alcuni giorni fa, con la notifica di una proroga delle indagini, la magistratura barese ne ha dato notizia agli indagati, l’ex presidente Gianfranco Viesti, l’ex direttore generale Leonardo Volpicella e un dipendente.

I tre – si è saputo – rispondono, a vario titolo, di false comunicazioni sociali e abuso d’ufficio. Nell’atto a firma del procuratore aggiunto Lino Giorgio Bruno non sono formulati addebiti espliciti, ma sono riportati soltanto i riferimenti ai titoli di reati attribuiti agli indagati. Entrambe le accuse per Viesti e Volpicella, il solo abuso d’ufficio per il dipendente dell’ente fieristico barese.

“Sono assolutamente tranquillo, avendo agito, in una situazione difficile, sempre con onestà e regolarità – ha commentato l’ex presidente Viesti – e sono certo che questo sarà attestato anche dalle conclusioni cui arriverà la magistratura”.

L'inchiesta riguarderebbe la gestione del bilancio della Fiera del Levante, ente che negli ultimi anni ha accumulato debiti per diversi milioni di euro. Agli atti del fascicolo aperto dalla Procura di Bari ci sono i documenti acquisiti dai finanzieri relativi ai bilanci, alle missioni all’estero, ai compensi e rimborsi per i manager.

“E' molto sgradevole trovarsi coinvolto, per la prima volta, in una inchiesta giudiziaria. – dice Viesti, difeso dall’avvocato Michele Laforgia – Non so neppure quale sia l'oggetto delle indagini, non essendo stata formulata nei miei confronti alcuna specifica accusa. D’altra parte – continua Viesti – la magistratura fa il proprio dovere, essendo intervenuta, secondo quanto diffuso da alcuni organi di informazione, a seguito delle dichiarazioni e delle iniziative del nuovo presidente della Fiera del Levante e dovendo procedere ai necessari approfondimenti”.

Approfondimenti di cui gli indagati non sono ancora a conoscenza, dal momento che nell’avviso di proroga delle indagini non vi sono neppure riferimenti temporali che possano consentire loro di collegare i reati contestati a fatti o atti risalenti ad un determinato periodo della gestione dell’ente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione