Cerca

Venerdì 17 Novembre 2017 | 22:22

Via al nuovo ospedale di Monopoli-Fasano

BARI – Un nuovo ospedale in Puglia nell’area intermedia fra le province di Brindisi e Bari. Dopo la firma per l'avvio di un nuovo ospedale a Taranto, oggi il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola ha firmato con l’assessore regionale alla Salute, Donato Pentassuglia e il direttore generale della Asl di Bari, Mimmo Colasanto, il disciplinare per dare il via al nuovo ospedale di Monopoli-Fasano
Vendola: sul piano di riordino nessun passo indietro
Dalla Regione Puglia 2 miliardi alle pmi
Via al nuovo ospedale di Monopoli-Fasano
BARI – Un nuovo ospedale in Puglia nell’area intermedia fra le province di Brindisi e Bari. Dopo la firma per l'avvio di un nuovo ospedale a Taranto, oggi il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola ha firmato con l’assessore regionale alla Salute, Donato Pentassuglia e il direttore generale della Asl di Bari, Mimmo Colasanto, il disciplinare per dare il via al nuovo ospedale di Monopoli-Fasano. «Oggi abbiamo firmato il secondo disciplinare – ha detto Vendola – il secondo atto dopo quello per l'ospedale nuovo di Taranto. Lavoriamo – ha continuato – perchè questi disciplinari ci consentano di avviare lavori che non durino 20 anni, come accadeva in passato, perchè non possiamo inaugurare un parco archeologico. Abbiamo bisogno di inaugurare l’offerta più strutturata, abbiamo bisogno della qualità della progettazione per fare in tempi compatibili con i diritti dei cittadini, grandi e nuove strutture di accoglienza ospedaliera che si integrino con le strutture territoriali che stanno nascendo un pò dappertutto. La fase più drammatica – ha spiegato – è alle nostre spalle, i conti della sanità dice la Corte dei Conti, sono in ordine». Il primo disciplinare, consente l’attivazione della prima tranche di 2.500.000,00 in favore della Asl Ba per dare copertura finanziaria ai lavori di progettazione preliminare-definitiva e clinico gestionale dell’ospedale che conta 299 posti letto e che dovrebbe entrare in funzione nel 2020. 

L'assessore Pentassuglia ha spiegato che la Regione sta rispettando il cronoprogramma. «Sarà uno spoke – ha spiegato Colasanto – che nell’ambito della rete di emergenza assumerà le caratteristiche di rete di emergenza di primo livello. È prevista - ha continuato –  la presenza del reparto di rianimazione e delle branche di base e intermedie indispensabili per fornire assistenza. L’ospedale – ha concluso – fornirà un modello organizzativo valido e un comfort alberghiero che attualmente in quel territorio non eravamo in grado di garantire. Apportiamo qualità sul piano dell’accoglienza e dell’assistenza». 

BARI – Un nuovo ospedale in Puglia nell’area intermedia fra le province di Brindisi e Bari. Dopo la firma per l'avvio di un nuovo ospedale a Taranto, oggi il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola ha firmato con l’assessore regionale alla Salute, Donato Pentassuglia e il direttore generale della Asl di Bari, Mimmo Colasanto, il disciplinare per dare il via al nuovo ospedale di Monopoli-Fasano. «Oggi abbiamo firmato il secondo disciplinare – ha detto Vendola – il secondo atto dopo quello per l'ospedale nuovo di Taranto. Lavoriamo – ha continuato – perchè questi disciplinari ci consentano di avviare lavori che non durino 20 anni, come accadeva in passato, perchè non possiamo inaugurare un parco archeologico. Abbiamo bisogno di inaugurare l’offerta più strutturata, abbiamo bisogno della qualità della progettazione per fare in tempi compatibili con i diritti dei cittadini, grandi e nuove strutture di accoglienza ospedaliera che si integrino con le strutture territoriali che stanno nascendo un pò dappertutto. La fase più drammatica – ha spiegato – è alle nostre spalle, i conti della sanità dice la Corte dei Conti, sono in ordine». Il primo disciplinare, consente l’attivazione della prima tranche di 2.500.000,00 in favore della Asl Ba per dare copertura finanziaria ai lavori di progettazione preliminare-definitiva e clinico gestionale dell’ospedale che conta 299 posti letto e che dovrebbe entrare in funzione nel 2020. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione