Cerca

Lunedì 20 Novembre 2017 | 08:43

Decaro contro Soprintendenza per il cantiere di via Argiro «La ditta prosegua i lavori»

BARI - Nuova sfida di Decaro alla Soprintendenza. E l'annuncio stavolta arriva durante il consiglio comunale invocando poteri speciali per ordine e sicurezza pubblica.  Dopo il braccio di ferro sulla legittimitá della palazzina di Santa Chiara (dove é in corso di realizzazione la palazzina del  Provveditorato alle Opere pubbliche) per cui il TAR ha sospeso i lavori, il primo cittadino ha invocato poco da in aula i poteri conferiti dalla legge per arginare una possibile nuova minaccia dei Beni culturali per il cantiere di via Argiro
Decaro contro Soprintendenza per il cantiere di via Argiro «La ditta prosegua i lavori»
BARI - Nuova sfida di Decaro alla Soprintendenza. E l'annuncio stavolta arriva durante il consiglio comunale invocando poteri speciali per ordine e sicurezza pubblica.  Dopo il braccio di ferro sulla legittimitá della palazzina di Santa Chiara (dove é in corso di realizzazione la palazzina del  Provveditorato alle Opere pubbliche) per cui il TAR ha sospeso i lavori, il primo cittadino ha invocato poco da in aula i poteri conferiti dalla legge per arginare una possibile nuova minaccia dei Beni culturali per il cantiere di via Argiro, strada pedonale del centro urbano, dove i lavori sono ripresi da un paio di giorni dopo uno stop di tre mesi causato proprio da una richiesta della Soprintendenza.

Appresa la notizia che i Beni culturali avrebbero fatto un sopralluogo per verificare il posizionamento delle chianche, le distanze e le fughe, il sindaco ha annunciato la firma di una ordinanza per motivi di ordine pubblico, con la quale imporrà alla ditta di proseguire i lavori, a causa dei rischi  che un cantiere come quello di via Argiro può comportare per la collettività.

Una vera e propria sfida che alza il livello dello scontro istituzionale in atto a Bari. È la prima volta che un sindaco ordina a una impresa di proseguire i lavori con un atto monocratico che richiama rischi per la sicurezza pubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione