Cerca

Venerdì 24 Novembre 2017 | 23:28

Timbrava e andava a lezione di master, dottorato e laurea Università pagava il «conto»

BARI - In 8 anni di «lavoro» è riuscito a completare un master, un dottorato e tutti gli esami del corso di laurea in Odontoiatria. Ma lo studente modello era un dipendente dell’Università di Bari, e quelle 7mila ore di lezione le ha seguite in orario di lavoro: era contemporaneamente presente al lavoro e sui banchi. Una ubiquità che, adesso, gli costa cara, perché la Corte dei Conti lo ha condannato a risarcire lo Stato con 70mila euro.
Timbrava e andava a lezione di master, dottorato e laurea Università pagava il «conto»
BARI - In 8 anni di «lavoro» (le virgolette sono davvero obbligatorie) è riuscito a completare un master, un dottorato e tutti gli esami del corso di laurea in Odontoiatria. Ma lo studente modello era un dipendente dell’Università di Bari, e quelle 7mila ore di lezione le ha seguite in orario di lavoro: era contemporaneamente presente al lavoro e sui banchi. Una ubiquità che, adesso, gli costa cara, perché la Corte dei Conti lo ha condannato a risarcire lo Stato con 70mila euro.

Sulla vicenda del tecnico informatico Andrea Ballini, 37 anni, nel 2011 c’era stata una indagine della Finanza conclusa con una richiesta di rinvio a giudizio. Ma è arrivata prima la magistratura contabile, che si è pronunciata sugli stessi fatti e che ha «alleggerito» - in termini di quantità - il numero di ore che l’uomo avrebbe «sottratto» al lavoro: 4.562 ore e 30 minuti per partecipare al master in Medicina della sessualità nel 2004, al dottorato di ricerca in «ambiente medicina e salute» tra il 2006 e il 2009 e, infine, alla laurea quinquennale in odontoiatria, per la quale al momento della chiusura delle indagini aveva completato tutti gli esami.

L’indagine sullo studente «ubiquo» è nata da una costola dell’inchiesta sui test truccati nella facoltà di odontoiatria di Bari, quella che nell’estate di due anni fa aveva portato ai domiciliari tra gli altri il professor Felice Roberto Grassi, presidente del corso di laurea e ritenuto il capo dell’organizzazione, e Ballini che del docente era considerato il braccio destro. Erano loro che, secondo la procura di Bari, fornivano risposte «chiavi in mano» agli studenti. E mentre - secondo l’accusa - partecipava al sistema per truccare i quiz di ammissione, Ballini trovava pure il tempo di studiare: lui che era entrato in Università con una laurea in scienze politiche ma che si stava evidentemente convertendo alla ben più redditizia attività di odontoiatra. E per farlo, secondo i giudici contabili, ha truffato l’Università: «Non può, invero, revocarsi in dubbio - è scritto nella sentenza (presidente Eugenio Francesco Schlitzer, estensore Antongiulio Martina) - che il Ballini abbia agito con dolo, con la piena consapevolezza del danno arrecato all’amministrazione di appartenenza con il proprio comportamento». La Corte dei Conti non ha tuttavia ritenuto provato il danno da disservizio, per il quale la procura regionale (rappresentata da Carmela de Gennaro) aveva chiesto un risarcimento di altri 30mila euro.

Il procedimento davanti ai magistrati contabili ha comunque fatto emergere le prove raccolte dalla Finanza, che ha ascoltato tutti i docenti dei 31 esami sostenuti a odontoiatria. Secondo le risultanze dell’inchiesta, c’erano giorni in cui il tecnico informatico risultava presente al proprio posto di lavoro dal primo mattino alla sera inoltrata, ma contemporaneamente ha firmato i verbali. Sono emerse diverse irregolarita, come quella riguardante la prova di Odontoiatria riabilitativa 2: «Il presidente della rispettiva commissione era il prof. Felice Roberto Grassi, suo diretto superiore, che avrebbe dovuto autorizzare questa sua assenza dal posto di lavoro e, diversamente da quanto registrato nelle sedute d’esame di altre precedenti sessioni, in quello specifico non è stata indicata l’ora di chiusura dell’appello». Dopo la chiusura dell’inchiesta, l’Università ha comunque sospeso anche l’iscrizione di Ballini che fino ad oggi non ha potuto conseguire la laurea. [m.s.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione