Cerca

Venerdì 17 Novembre 2017 | 18:38

A Pisicchio e Cassano due vitalizi regionali da 5.600 euro al mese

BARI - Un assegno da 5.600 euro lordi al mese. Lo incasseranno il senatore Massimo Cassano, sottosegretario al Lavoro, e l’ex vicesindaco di Bari, Alfonso Pisicchio, che una settimana prima di Ferragosto hanno ottenuto il provvedimento di liquidazione da parte del Consiglio regionale. Un vitalizio balneare e - per ora - virtuale
A Pisicchio e Cassano due vitalizi regionali da 5.600 euro al mese
BARI - Un assegno da 5.600 euro lordi al mese. Lo incasseranno il senatore Massimo Cassano, sottosegretario al Lavoro, e l’ex vicesindaco di Bari, Alfonso Pisicchio, che una settimana prima di Ferragosto hanno ottenuto il provvedimento di liquidazione da parte del Consiglio regionale. Un vitalizio balneare e - per ora - virtuale. Cassano, esponente di Ndc ed ex consigliere regionale, ha infatti 49 anni e soprattutto è senatore in carica. Il vitalizio è incompatibile con l’indennità parlamentare, e non può essere incassato prima dei 55 anni di età. «Ho presentato - spiega Cassano - soltanto una richiesta, a titolo informativo, per conoscere la mia situazione pensionistica: tra l’altro per ottenere il vitalizio dovrò versare una somma a titolo di riscatto». Il provvedimento di liquidazione di via Capruzzi, infatti, prescrive a Cassano il versamento di 10.900 euro per coprire i 4 mesi che gli mancano a raggiungere 8 anni di mandato. Stesso discorso anche per Alfonsino Pisicchio, docente dell’Istituto d’arte a Bari, vicesindaco nella giunta Emiliano e oggi semplice consigliere a Palazzo di Città. Pisicchio ha però 54 anni, quindi il prossimo anno potrà chiedere la liquidazione del vitalizio che non è invece incompatibile con l’indennità da consigliere comunale. I vitalizi sono stati aboliti dal dal 1° gennaio 2013, nel senso che il diritto a ricevere un assegno calcolato con il sistema retributivo (cioè in percentuale sull’ultima indennità) si è fermato al 31 dicembre 2012 e andrà ad esaurimento: gli ultimi a maturare il diritto saranno i consiglieri della legislatura in corso e quelli delle passate legislature che ancora non hanno presentato la richiesta pur avendo maturato i requisiti (almeno 5 anni di contributi, ma a chi ha superato i due anni e mezzo è consentito il riscatto oneroso del periodo mancante). Oggi i vitalizi erogati sono 185 (di cui 43 sono assegni di reversibilità) e costano grossomodo 11 milioni di euro l’an - no. Dalla prossima legislatura dovrebbero essere introdotti vitalizi contributivi, basati cioè sui contributi effettivamente versati: è lo stesso meccanismo che ora viene applicato per i parlamentari, dopo tante polemiche. [m.s.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione