Cerca

Giovedì 23 Novembre 2017 | 12:19

Advisor per le concessioni alla Fiera del Levante E la Provincia se ne va

BARI - La Grant Thornton Advisory S.r.l. ha richiesto alla Fiera del Levante, anche a seguito di sollecitazioni da parte della sua clientela, la possibilità di svolgere a titolo gratuito e non esclusivo, l’attività di «scouting», al fine di consentire al Consiglio di Amministrazione dell’Ente di valutare le richieste del mercato circa la valorizzazione delle aree concesse in gestione. Nel frattempo, c’è chi disdetta il contratto di affitto. Il padiglione 169 non vedrà, infatti, quest’anno la presenza della Provincia di Bari
Advisor per le concessioni alla Fiera del Levante E la Provincia se ne va
BARI - La Grant Thornton Advisory S.r.l. ha richiesto alla Fiera del Levante, anche a seguito di sollecitazioni da parte della sua clientela, la possibilità di svolgere a titolo gratuito e non esclusivo, l’attività di «scouting», al fine di consentire al Consiglio di Amministrazione dell’Ente di valutare le richieste del mercato circa la valorizzazione delle aree concesse in gestione. Ne dà notizia una nota della Fiera del Levante, nella quale si specifica che nel frattempo il CdA ha delegato, comunque, il vice presidente Lorenzo De Santis ed il consigliere Sandro Ambrosi a verificare le ragioni dello scarso interesse dell’imprenditoria locale circa il bando, poi scaduto, anche confrontandosi con le associazione di categoria.L’iniziativa della GTA «conferma la crescente attenzione del mercato ed anche degli operatori di settore (ad esempio, Fiera di Ferrara ed altri soggetti che si sono approcciati con l’Ente), verso la Fiera del Levante - continua la nota - e le sue potenzialità ancora inespresse».

«L’esito di queste attività - osserva il presidente della Fdl, Ugo Patroni Griffi - permetterà al consiglio di amministrazione e generale di poter concludere il processo di valorizzazione delle aree della Fiera del Levante sulla base non di una astratta presupposizione, ma di una concreta risposta del mercato».

Nel frattempo, c’è chi disdetta il contratto di affitto nel quartiere fieristico. Il padiglione 169 della Fiera del Levante non vedrà, infatti, quest’anno la presenza della Provincia di Bari. Il presidente, Francesco Schittulli, riporta una nota, ha dovuto declinare l’invito rivolto dal presidente della Campionaria, Ugo Patroni Griffi, perché l’ente che guida fino a scadenza (31 dicembre di quest’anno) non è nelle condizioni economiche di poter sostenere la spesa minime per allestirlo e consentirne l’apertura, e cioè non meno di 30 mila euro.

«In un momento particolare come questo preferisco impegnare le esigue somme a disposizione della Provincia - afferma Schittulli - per affrontare le emergenze che ci vengono sottoposte dai direttori didattici degli istituti scolastici di competenza provinciale. Ora - continua il presidente - se davvero ogni mia dichiarazione o azione amministrativo-politica fosse all’insegna della propaganda politica, come qualcuno con populistica demagogia sostiene, quale migliore occasione sarebbe stata la vetrina della Fiera del Levante? Ai visitatori della Campionaria e del nostro padiglione - sottolinea Schittulli - avremmo potuto offrire mostre, rappresentazioni, eventi e convegni. Allora sì ne avrei avuto un ritorno di immagine. Ma non posso consentire che in un momento come questo ciò avvenga a discapito dei veri ed ahimè crescenti bisogni dei cittadini. Perciò - conclude Schittulli - meglio un padiglione in meno e un banco, una lavagna, un computer in più nelle nostre scuole».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione