Cerca

Mercoledì 22 Novembre 2017 | 19:40

«Seu», allerta in Puglia segnalati primi 2 casi

BARI - La sorveglianza per la Sindrome Emolitico Uremica (Seu), secondo l’Osservatorio epidemiologico della Puglia è in fase di allerta massima, ma non c'è ancora una situazione di allarme epidemia perchè i casi rientriamo nel cosiddetto "atteso", in quanto in Puglia ogni anno ci sono 5-6 casi di Seu. Lo scorso anno l’allerta epidemia partì dal sesto caso
«Seu», allerta in Puglia segnalati primi 2 casi
BARI - Primi due casi in Puglia di Sindrome Emolitico Uremica (Seu) che lo scorso anno generò nella regione un allarme epidemia, con 20 casi registrati tra fine luglio e inizio di agosto provocati dall’ingestione di prodotti lattiero-caseari contaminati dal batterio VTEC 026. I due pazienti affetti da Seu – riporta il Corriere del Mezzogiorno - sono due bimbi salentini di 18 e 36 mesi ricoverati nell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari. Il batterio provoca diarrea emorragica e insufficienza renale.
“La sorveglianza – spiega Cinzia Germinario, direttore scientifico dell’Osservatorio epidemiologico della Puglia – è in fase di allerta massima, ma non c'è ancora una situazione di allarme epidemia perchè i casi rientriamo nel cosiddetto 'attesò, in quanto in Puglia ogni anno ci sono 5-6 casi di Seu. Lo scorso anno l’allerta epidemia partì dal sesto caso. Stiamo facendo tutti i controlli e abbiamo allertato l'assessorato alla salute

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione